Violenza sessuale, condannato il postino di Marina di Minturno

Violenza sessuale, condannato il postino di Marina di Minturno

L'aula di un tribunale

L’aula di un tribunale

Un anno e otto mesi di reclusione. E’ questa la condanna decisa dal giudice del Tribunale di Gaeta, Mara Mattioli, accogliendo la richiesta del pubblico ministero, Eleonora Tortora, nei confronti di Saverio Di Cosola, il postino di 50 anni, originario di Carinola, accusato di violenza sessuale nei confronti di una casalinga di 38 anni di Minturno.

La storia risale ad aprile dello scorso anno. L’uomo, in servizio presso l’ufficio postale di Marina di Minturno, venne arrestato dai carabinieri a seguito della segnalazione della vittima. Il postino si era presentato fuori l’abitazione della casalinga con la scusa di farle firmare una raccomandata. Una volta varcato l’atrio della palazzina, però, si gettò contro la donna e, spingendola con le spalle al muro, iniziò a palpeggiarle le parti intime.

Solo grazie ad una violenta reazione la donna riuscì a divincolarsi, scappando all’interno della sua abitazione per avvertire i carabinieri che bloccarono l’uomo poco dopo. Il portalettere si è sempre difeso sostenendo di non aver importunato la donna in alcun modo. Anzi, in passato lui le aveva confessato di provare una certa attrazione, ma vistosi rifiutato non trovò più il coraggio di farsi avanti.

Nel corso dell’interrogatorio di convalida dell’arresto, il postino aveva dichiarato che era stata la donna ad invitarlo nella sua abitazione per gli auguri di Pasqua. Una ricostruzione che aveva convinto il gip che lo aveva scarcerato. Secondo la denuncia della parte offesa, invece, l’uomo prima di Pasqua le avrebbe rivolto dei complimenti e il giorno successivo avrebbe tentato di baciarla, alla presenza di uno dei suoi tre figli minorenni. Secondo quanto affermato dalla vittima il postino l’avrebbe spinta vicino al muro, palpeggiandola nelle parti intime. La donna si sarebbe divincolata e una volta rientrata nell’appartamento ha chiamato i carabinieri.

Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share