Pericolo di scariche elettriche, lungomare al buio per ragioni di sicurezza

Pericolo di scariche elettriche, lungomare al buio per ragioni di sicurezza

Lungomare di Scauri

Lungomare di Scauri

Il pericolo è quello di restare folgorati toccando i pali della luce. E’ questa la ragione, tutta legata alla sicurezza dei cittadini, per cui il lungomare è al buio da questo inverno. Il problema è legato ad una grossa dispersione di corrente elettrica, dovuta all’impianto ormai troppo vecchio, che porterebbe la scarica sul metallo dei pali.

Secondo quanto fanno sapere dal settore lavori pubblici del Comune di Minturno, l’impresa aggiudicatrice dell’appalto, la G. & M. Lavori di Veroli, avrebbe effettuato l’ordine per avviare i primi lavori, che dovrebbero iniziare tra due o tre settimane. Lavori pari a circa 100mila euro, una somma notevole che il Comune di Minturno non ha potuto anticipare fino ad ora.

L’importo totale dell’appalto è di 428.820,06 euro (Avviso pubblico Prot. n. 1650 del 21 gennaio 2013), di cui circa 300mila euro a carico della Regione Lazio ed è relativo al primo stralcio di lavori di restyling e adeguamento della pubblica illuminazione del lungomare di Scauri. Le lungaggini burocratiche sarebbero dovute proprio alla Regione Lazio, che ha vagliato il progetto, il bando e la relativa aggiudicazione, avvenuta a gennaio scorso.

Anzi, il progetto iniziale – seguito dall’allora consigliere regionale Romolo Del Balzo – prevedeva un finanziamento di oltre un milione di euro, che è stato più che dimezzato. La quota regionale, di cui è stata inviata al Comune di Minturno solo una piccola parte iniziale per espletare il bando di gara, sarà accreditata non prima di febbraio 2014.

Si prospetta, dunque, un’estate al buio e al tempo stesso – qualora inizino davvero i lavori per luglio – anche con disagi dovuti agli operai che installeranno i nuovi pali della pubblica illuminazione.
Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share