Gli LSU del Comune di Minturno rischiano di restare senza stipendio

Gli LSU del Comune di Minturno rischiano di restare senza stipendio

Il Comune di Minturno

Il Comune di Minturno

Rischiano di restare senza stipendio i 37 LSU stabilizzati al Comune di Minturno secondo accordi assunti con la Regione Lazio circa due anni fa. Ma proprio l’ente regionale ad oggi non ha ancora erogato alcuna risorsa economica. Il Comune si è preso carico del pagamento degli stipendi in questi due anni, spendendo fino ad oggi oltre 900mila euro. Soldi che l’ente non riesce più a tirare fuori e che ora la Regione deve restituire.

A quanto si apprende, però, l’erogazione è bloccata in quanto si è in attesa di un chiarimento della Corte dei Conti sul corretto uso dei fondi destinati agli emolumenti dei lavoratori socialmente utili. Il problema non è solo di Minturno, ma anche di altri Comuni della regione Lazio. Il sindaco Paolo Graziano si è attivato per richiedere un incontro con il presidente Nicola Zingaretti, mentre dall’opposizione il capogruppo di Minturno Cambia, Gerardo Stefanelli, chiede la convocazione urgente del consiglio comunale per discutere del problema.

“So perfettamente – dichiara Stefanelli in una nota stampa – che la questione è un errore della Regione Lazio, pertanto chiedo di riunione il consiglio comunale per dare maggiore forza al sindaco Paolo Graziano per porre in essere azioni al fine di risolvere questo problema. Il dramma è che gli LSU stabilizzati hanno nuclei familiari anche numerosi e monoredditto, da luglio queste persone rischiano di non prendere più lo stipendio. Mi auguro – conclude Gerardo Stefanelli – che anche gli altri Comuni della provincia di Latina facciano la stessa cosa, perché non è possibile che in questo periodo si buttino per strada circa tremila persone in tutta la regione”.
Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share