• Home »
  • Politica »
  • Rifiuti, appalto bloccato. La seconda classificata chiede l’accesso agli atti
Rifiuti, appalto bloccato. La seconda classificata chiede l’accesso agli atti

Rifiuti, appalto bloccato. La seconda classificata chiede l’accesso agli atti

Ego Eco, deposito ex Asia

Ego Eco, deposito ex Asia

Bloccato l’iter per l’assegnazione dell’appalto temporaneo per lo smaltimento e la raccolta dei rifiuti solidi urbani del Comune di Minturno al Consorzio Nazionale Servizi di Bologna. Secondo quanto si apprende, la ditta classificatasi seconda, Servizi e Ambiente Spa di Campobasso, avrebbe fatto richiesta di accesso agli atti del bando emesso dall’ente aurunco.

Il Cns si è aggiudicato il nuovo appalto presentando un ribasso del 17,29%, su base d’asta di un milione e 544.049,44, per un importo mensile che sfiora i 260mila euro, riuscendo ad avere la meglio sull’azienda di Campobasso (ribasso del 14,50%). Ma per quest’ultima a quanto pare vuole vederci chiaro su tale distacco e in particolare sull’offerta presentata dalla società emiliana.

In questi giorni seguiranno, quindi, tutte le verifiche del caso per stabilire se non vi siano irregolarità. Fin qui niente di così strano, visto che è facoltà delle ditte partecipanti esigere trasparenza sulle procedure. Il problema si pone, però, per una scadenza: il prossimo 24 luglio. E’ questa, infatti, la data in cui l’appalto con la Ego Eco sarà definitivamente sciolto, perché per legge dall’istanza di risoluzione del contratto devono passare 90 giorni. E tra poco più di tre settimane questo termine scadrà. Come se non bastasse, c’è anche l’estate appena cominciata, con tutte le problematiche che comporta in termini di presenze e di gestione della raccolta dei rifiuti.

Insomma, un grosso grattacapo per il sindaco Paolo Graziano, che comunque nonostante le difficoltà del momento rassicura: “La ditta di Campobasso ha richiesto gli atti, glieli abbiamo forniti. Se ci sono le condizioni andremo avanti altrimenti troveremo una soluzione alternativa per essere pronti per l’estate”. E l’alternativa sarebbe affidare per pochi mesi a qualche ditta locale il servizio traghettandolo fino alla fine della stagione turistica, per poi pubblicare un nuovo bando di gara, probabilmente non temporaneo.

Infine, proprio questa mattina i vertici del Cns di Bologna hanno fatto visita al Comune di Minturno, incontrando il sindaco Graziano, l’assessore all’ambiente Roberto Lepone e il responsabile del servizio igiene Maurizio Fiore.
Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share