Giudice di pace di Minturno, serve sicurezza

Giudice di pace di Minturno, serve sicurezza

L'ufficio del Giudice di Pace di Minturno

L’ufficio del Giudice di Pace di Minturno

Sicurezza e potenziamento del personale, per poter garantire il regolare svolgimento dell’attività. E’ questa l’emergenza che riguarda l’ufficio del giudice di pace di Minturno, dove attualmente operano il cancelliere Collalti e l’operatore De Luca. Due sole unità chiamate a coprire tutte le incombenze esistenti, con problemi che si ripresentano in continuazione, specie quando è assente, per motivi istituzionali, uno dei due impiegati.

Ieri mattina, giorno di seduta penale, gli avvocati hanno atteso all’esterno degli uffici, che hanno aperto, così come disposto dal giudice di pace alle 9,30. Una decisione attuata per garantire la maggiore sicurezza ai dipendenti, che spesso si ritrovano davanti numerosi cittadini che protestano per le ingiunzioni di pagamento che arrivano in continuazione. Soltanto dal Comune ne sono state notificate circa cinquantamila e molte di loro sono state archiviate e bocciate.

E’ logico che ci siano persone inviperite che si presentano negli uffici giudiziari minturnesi, per far presente che la loro situazione è già stata definita. Ma i mancati controlli e verifiche sui ricorsi presentati, portano dunque all’invio di queste ingiunzioni. Sarebbe opportuno dunque il potenziamento dell’ufficio per poter meglio organizzare il lavoro, ma anche una sorveglianza maggiore, come chiesto al Comune proprio dal giudice di pace di Minturno.

In un periodo in cui la «fame galoppa» e le richieste di pagamenti aumentano, c’è il timore, fondato, che qualcuno possa dare in escandescenze e quindi appare giustificata una richiesta di maggior sicurezza, magari con la sistemazione di qualche porta ad apertura comandata. E al problema della sicurezza si aggiunge quello della mole di lavoro di un ufficio che al momento si deve occupare, tra l’altro, di 35mila fascicoli pendenti, di 50mila ingiunzioni e di 2100 ricorsi sino al 30 giugno scorso.

Dati spaventosi che danno la misura del lavoro che attende il personale dell’ufficio di via Luigi Cadorna, che inoltre vorrebbe lavorare anche nelle massime condizioni di sicurezza, visto che, allo stato attuale, chiunque può entrare nei vari locali.

Fonte: Latina Oggi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share