Pesticidi in mare, una zona morta soffoca il Golfo del Messico

Pesticidi in mare, una zona morta soffoca il Golfo del Messico

pesticidi-messicoNel Golfo del Messico c’è una zona morta grande quanto la Lombardia, dove flora e fauna stanno scomparendo. Colpa dei fertilizzanti usati negli Stati Uniti e defluiti in mare a causa delle forti piogge cadute sul Midwest.

Le inondazioni hanno trascinato in mare azoto e fosforo. Prodotti utilizzati in agricoltura che, una volta sul fondo dell’oceano, hanno sortito lo stesso effetto: far crescere le alghe in modo anomalo, a tal punto da soffocare gli altri organismi marini. Secondo il National Geographic è una catastrofe per la biodiversità della zona.

Secondo le previsioni dell’Università di Louisiana e Michigan, l’area sarebbe ampia circa 20mila km quadrati. Un fenomeno simile era stata osservata nel 2002, ma le condizioni della zona sarebbero oggi molto più severe.

Zone morte come quella del Golfo sono comuni in estate, alle foci dei grandi fiumi degli Stati Uniti. Ma neppure l’Europa è immune. Il caso più eclatante riguarda il Mar Baltico, dove, nel 2010, è stata osservata la zona morta più ampia del mondo.

mucillagini-messicoIl fenomeno ha gravi conseguenze per gli ecosistemi marini. A pagarne le conseguenze è la fauna che colonizza il fondo dell’oceano, come frutti di mare e cozze. E anche i pesci, privati del loro habitat, soffrono: molti di loro soffocano per la penuria di ossigeno. E anche aragosta e gamberi sono destinati a morire. Il fenomeno è temporaneo. E pare essere reversibile. Ma il ritorno alla normalità richiede tempo. Per rendere il processo più rapido, anche l’uomo deve fare la sua parte, limitando l’uso di prodotti chimici in agricoltura.

Guardate queste foto, e poi ditemi se la “mucillagine” che si vede non è molto simile a quella che vediamo lungo le nostre coste.
Erminio Di Nora

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share