• Home »
  • Politica »
  • L’attacco di Sel all’amministrazione Graziano: “Gestione approssimativa e dilettantistica”
L’attacco di Sel all’amministrazione Graziano: “Gestione approssimativa e dilettantistica”

L’attacco di Sel all’amministrazione Graziano: “Gestione approssimativa e dilettantistica”

Bandiere di Sel

Bandiere di Sel

Una nuova estate è arrivata ma il dilettantismo e l’approssimazione di chi da noi gestisce la cosa pubblica sono rimasti i medesimi. Un Comune che si dice a vocazione turistica dovrebbe indossare l’abito migliore per accogliere coloro che decidono di passare una parte dell’estate da noi.

E invece quello che trovano non si può definire se non come degrado. Oltre l’abusivismo edilizio che sembra un carattere distintivo del nostro territorio non c’è un tratto di strada maggiore di cento metri che non sia dissestata. Tranne una; indovinate voi quale? Strisce blu e minacciosi totem autovelox invece sono nuovi di zecca, giusto per incoraggiare i turisti.

La qualità dell’acqua marina è pessima, ma nulla è stato fatto per affrontare seriamente questo problema ed assistiamo ancora ad operatori e bagnanti che con trepidazione osservano il mare sperando di non avvistare le ben note chiazze.

Le spiagge libere praticamente non esistono più, ora si chiamano “attrezzate”, ma provate a cercare un criterio minimamente trasparente di assegnazione di autorizzazione, non lo troverete.

Questa opacità è solo una parte della confusione amministrativa in cui versa la macchina comunale. Sui rifiuti infatti coloro che hanno consentito all’attuale appaltatore di fare il bello ed il cattivo tempo per lunghissimi anni, ora proveranno a dire che sono quelli che hanno rescisso il contratto ed avviato una nuova era. Tutti aspettano i pronunciamenti della magistratura sui giudizi pendenti ma nessuno parla del contenzioso con richiesta di cospicuo risarcimento avviato dalla società di gestione contro il Comune; visti gli esiti di passati strombazzati contenziosi (contro un dirigente per esempio) c’è da essere molto preoccupati.

Non siamo sicuri nemmeno che grandi novità ci siano per il servizio di raccolta, perché andando a guardare chi c’è dietro i nuovi e già contestati aggiudicatari dell’appalto dei rifiuti si intravedono vicinanze politiche e forse anche di altro genere. A Latina, mica a Bologna.

E per finire la cultura. Uno pensa che nonostante tutto ci si poteva consolare con una stagione teatrale di elevato livello nell’invidiabile cornice del Teatro Romano e invece si ha il fegato di dire che la stagione teatrale non si farà perché non ci sono € 15.000 (dicesi euro quindicimila) per mettere in sicurezza il palco.

Cos’altro deve accadere perché questa giunta prenda atto della propria nullità e vada a casa?

Circolo SEL “Antonio Gramsci” di Minturno

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share