Affidato l’appalto dei rifiuti al Cns di Bologna

Affidato l’appalto dei rifiuti al Cns di Bologna

Ego Eco

Ego Eco

È stata aggiudicata definitivamente la gara d’appalto relativa al servizio di raccolta dei rifiuti, che avrà una durata di sei mesi o almeno sino all’espletamento della gara definitiva. Anche l’imprevisto relativo al ricorso della seconda classificata, la Ecologica Impianti di Campobasso, è stato superato, in quanto le motivazioni addotte dalla stessa ditta, secondo il funzionario responsabile, non sono state ritenute sufficienti per un eventuale annullamento della gara.

A tal proposito è stato interessato della questione anche l’avvocato Vincenzo Colalillo e quindi sono stati approvati i verbali di gara con aggiudicazione alla CNS (Consorzio Nazionale Servizi) di Bologna, con importo di 1.278.250,46, grazie al ribasso del 17,29%. Alla gara aveva partecipato anche la società Servizi Industriali, esclusa perché nella documentazione presentata non riportava l’autentica notarile sulla polizza fidejussoria.

Dunque ora i tempi di assegnazione alla nuova ditta che subentrerà alla Ego Eco non dovrebbero essere eccessivamente lunghi. A chiedere informazioni sulla tempistica e sul mantenimento dei livelli occupazionali, ieri, è stata la Cisal, che attraverso il proprio responsabile interno, Nando Cardillo, è intervenuto sulla questione.

«La nostra organizzazione sindacale – ha detto Cardillo – si prodigherà affinché tutti i lavoratori mantengano il loro posto. Riteniamo altresì che gli operai vadano maggiormente coinvolti su questo passaggio, tanto che, come organizzazione, abbiamo chiesto un incontro con Amministrazione e nuova società. Vorremmo cercare di capire quali saranno i percorsi che si faranno e vogliamo conoscere l’organizzazione del servizio, visto che siamo in piena estate».

La Cisal, in pratica, intende conoscere quali saranno le tappe prossime e intende ricevere al più presto delle delucidazioni. Da qui la richiesta di incontro, che, tra l’altro, è stata presentata anche da altre sigle sindacali, che hanno ribadito anche loro il mantenimento dei livelli occupazionali.

L’assessore Roberto Lepone si è detto disposto ad un incontro, ma ovviamente attendeva che la situazione si sbloccasse, dopo le iniziative adottate dalla ditta seconda classificata. Del resto i tempi sono strettissimi e l’estate è iniziata, pur se la presenza dei turisti è molto ridotta. Ma ad agosto sarà tutt’altra musica ed il servizio dovrà funzionare a pieno regime, per evitare tutti quei problemi che, purtroppo, si sono registrati l’anno scorso.

Poi bisognerà attendere gli sviluppi giudiziari del rapporto tra Comune e Ego Eco, la ditta che per anni ha gestito il servizio e che sta per uscire di scena e che, come è noto, ha chiesto un risarcimento danni milionario. Richiesta giunta dopo l’avvio della risoluzione del contratto da parte dell’Amministrazione comunale, che ha contestato alla Ego Eco tutta una serie di disservizi.

Fonte: Latina Oggi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share