• Home »
  • Cronaca »
  • Motore in avaria, barca rischia di finire contro gli scogli. Tre persone salvate dalla Guardia Costiera
Motore in avaria, barca rischia di finire contro gli scogli. Tre persone salvate dalla Guardia Costiera

Motore in avaria, barca rischia di finire contro gli scogli. Tre persone salvate dalla Guardia Costiera

Guardia Costiera

Guardia Costiera

Particolarmente impegnativa è stata la domenica per il Compartimento Marittimo di Gaeta con gli uomini della Guardia Costiera che sono stati impegnati in attività di ricerca e soccorso ad imbarcazioni in difficoltà a causa delle condizioni meteomarine peggiorate nelle prime ore del pomeriggio.

Due le unità soccorse. La prima un natante con motore in avaria, trascinato dalle correnti verso la scogliera tra lo stabilimento Tahiti e Monte d’Argento a Scauri di Minturno. Il gommone GC A68 dell’Ufficio Locale Marittimo di Formia, già in mare per servizio di monitoraggio della fascia costiera, si è portato immediatamente sul posto, recuperando le tre persone a bordo e l’imbarcazione che stava per raggiungere gli scogli.

L’altra imbarcazione, un’unità da diporto denominata “Capitan Matù”, con tre persone a bordo, partiti da Ventotene con direzione Ischia. A cinque miglia da Ventotene, l’unità ha iniziato ad imbarcare acqua. Intervenivano immediatamente la MV CP 835 dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Ponza e il GC L 12 da Ventotene che raggiungevano l’unità, scortandola sino al rientro in sicurezza nel porticciolo turistico di Ventotene.

L’attività a mare è continuata con i controlli nei confronti delle unità veloci (acquascooter) e sulla spiaggia di Sant’Agostino, dove è stato elevato un verbale amministrativo nei confronti di un conduttore di acquascooter per inosservanza dell’ordinanza balneare, in particolare per aver occupato la fascia dei cinque metri di battigia destinata al libero transito.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share