Rifiuti, partito questa mattina il servizio di raccolta con la nuova ditta

Rifiuti, partito questa mattina il servizio di raccolta con la nuova ditta

Ego Eco, deposito ex Asia

Ego Eco, deposito ex Asia

E’ partito questa mattina il nuovo servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani. I 37 operai, che prima erano in organico alla Ego Eco, hanno iniziato il proprio lavoro con la ditta subentrante, l’ASA – Azienda Servizi Ambientali, la società consorziata con il CNS di Bologna, vincitrice del bando di gara. Martedì pomeriggio è avvenuta la firma del contratto da parte degli ex dipendenti della società di Cassino. Un processo molto laborioso, perché – come si ricorderà – la scorsa settimana dopo un braccio di ferro tra le parti, l’azienda ha deciso di integrare i sei operai in più non menzionati nel contratto d’appalto, che riportava soltanto 31 lavoratori. I sei saranno conteggiati sulle 15 unità lavorative stagionali fino a settembre. Dopo sarà affrontato un nuovo accordo sindacale. Sarà valutato nei prossimi giorni la qualità di questo nuovo servizio, anche perché ogni mese dovranno essere elaborati dei report per monitorare eventuali anomalie. Comunque, le prime impressioni sono state positive. A quanto si apprende, la nuova ditta – diversamente dalla Ego Eco – controlla scrupolosamente l’operato dei lavoratori. Ha nominato due responsabili che monitorare gli operai. Inoltre, c’è un registro delle presenze con obbligo di firma ed è obbligatorio rispettare l’orario di lavoro. Sembrano banalità ma prima queste erano pratiche poco utilizzate, creando caos nello stesso servizio. Anche i mezzi sono tutti nuovi e ne devono arrivare degli altri a Minturno. Insomma, sembra davvero che la musica sia cambiata. La Ego Eco, quindi, ufficialmente non gestisce più il servizio di raccolta dei rifiuti per conto del Comune di Minturno. L’unico legame ancora attivo con l’ente è la richiesta di risarcimento danni di oltre 7 milioni di euro, attualmente in discussione presso il Tribunale di Gaeta, la cui prima udienza si è svolta circa un mese e mezzo fa. Inoltre, sempre nella data di oggi, è stata fissata la deadline per la gara d’appalto dei lavori di somma urgenza dell’isola ecologica provvisoria presso l’ex depuratore di Recillo, dal costo di 56.613,08 euro (base d’asta al ribasso). Essendo ritenuto idoneo, in quanto necessita soltanto di piccoli lavori di adeguamento con una spesa minimale tenuto conto della provvisorietà dell’ubicazione stessa, la giunta ha deciso quale sito provvisorio e temporaneo per il posizionamento degli scarrabili relativi alla raccolta dei rifiuti urbani differenziati proprio l’ex depuratore di Recillo. Nella mattinata di domani, quindi, saranno aperte le buste e analizzate le offerte delle ditte partecipanti.
Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share