• Home »
  • Attualità »
  • Videosorveglianza, telecamere al centro storico e messa in funzione dell’impianto, due determine della polizia locale
Videosorveglianza, telecamere al centro storico e messa in funzione dell’impianto, due determine della polizia locale

Videosorveglianza, telecamere al centro storico e messa in funzione dell’impianto, due determine della polizia locale

Telecamere di videosorveglianza

Telecamere di videosorveglianza

Sono due le determine firmate dal comandante della polizia locale Gian Matteo D’Acunto che hanno in oggetto la videosorveglianza. Nella numero 132 del 15 luglio 2013 (disponibile alla fine dell’articolo) si approva l’impegno di spesa relativo all’acquisto di quattro telecamere per l’impianto di videosorveglianza del centro storico di Minturno. Ad aggiudicarsi la fornitura è la ditta “Appalti e Servizi SRL” di Gaeta per un importo di 12.400 euro più iva. Per la gara sono state invitate quattro aziende a presentare dei preventivi di spesa, di cui soltanto tre hanno risposto. La ditta di Gaeta ha proposto un prezzo più basso delle concorrenti. La fornitura prevede il posizionamento di quattro telecamere nel parcheggio retrostante il centro storico di Minturno.

Due telecamere saranno poste su un palo già esistente nel parcheggio del senso unico parte nord, le altre due su un palo ancora da installare saranno poste nel parcheggio sulla rotatoria centrale. Le quattro telecamere saranno alimentate da un impianto fotovoltaico. Le spese sono comprensive di installazione e messa in opera.

L’altra determina, la numero 129 dell’11 luglio 2013 (disponibile alla fine dell’articolo), parla invece della messa in funzione delle telecamere dell’impianto di videosorveglianza, che ad oggi non hanno ancora l’allaccio alla corrente elettrica. I lavori sono stati affidati alla ditta “Impiantistica Malagisi Enzo” di Marina di Minturno per un importo pari a 11.070 più iva.

Fin qui nulla di strano. Ciò che non si capisce è il preventivo fornito dalla ditta di Marina di Minturno, che è pari a 41.770 più iva mentre nella determina, nonostante sia ricordato quest’ultimo prezzo viene invece cambiata la cifra per 11.070 euro più iva. Certo, l’Ente va a risparmiare notevolmente rispetto al preventivo originale ma non vorremmo che tali “distrazioni” potessero in seguito essere impugnate, con ulteriore spesa per il Comune.  In tutto undici le ditte invitate a proporre i preventivi di spesa, di cui soltanto sei hanno risposto.
Giuseppe Mallozzi

DOWNLOAD: Determina 129-2013

Determina 132-2013

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share