Vincenzo Fedele entra in giunta e fa il pieno di deleghe

Vincenzo Fedele entra in giunta e fa il pieno di deleghe

Vincenzo Fedele

Vincenzo Fedele

Come già anticipato nei giorni scorsi, il consigliere comunale Vincenzo Fedele è stato promosso alla carica di assessore. L’investitura ufficiale è avvenuta oggi. Diversi gli incarichi di cui si occuperà: economia del mare e demanio marittimo (che già aveva in mano come delegato), personale, pubblica istruzione, scuola, sviluppo economico e del territorio, rapporti istituzionali.

L’assessore Gianfranco Colacicco lascia quindi il personale e il contenzioso, restandogli bilancio, servizi sociali e terza età ma ricoprendo la carica di vicesindaco, in precedenza di Aristide Galasso che, come è noto, gli è stato revocato l’incarico dal sindaco Paolo Graziano. Le due deleghe, contenzioso e sanità, di competenza rispettivamente di Colacicco e Galasso, saranno integralmente detenute dai consiglieri Mino Bembo (contenzioso) e Americo Zasa (sanità), rafforzando la loro posizione di delegati del sindaco.

“Sono felice dell’incarico attribuitomi dal sindaco Graziano – dichiara con soddisfazione Vincenzo Fedele – C’è tanto da fare sulla riorganizzazione del personale del Comune. Domani avrò una prima riunione con le sigle sindacali per la questione dei rientri e dei buoni pasto. Vorrei cercare altre soluzioni per dare garanzie ai dipendenti da una parte e dall’altra prevedere un risparmio nel bilancio. Sulla scuola vorrei fare dei sopralluoghi degli edifici per accertarmi delle criticità. Altri aspetti a me cari sono la realizzazione delle scogliere sul levante di Monte d’Argento e il Pua. L’Ardis sta procedendo con l’affidamento dei lavori alla ditta appaltatrice, che dovrebbero iniziare tra ottobre e novembre e la cui fine è prevista in primavera. La settimana prossima avrò un incontro con l’Ingegner Lupino, direttore dell’Ardis, per sincerarmi che sia tutto a posto. Sul Pua è prevista una nuova conferenza dei servizi con la Regione Lazio e le autorità per la definitiva approvazione, prevista forse per novembre”.

Fedele ha inoltre fissato un incontro per la settimana prossima con la dottoressa Giovanna Rita Bellini, direttrice del comprensorio archeologico di Minturnae, al fine di programmare i lavori per il palcoscenico, chiuso ormai da due anni, ed esaminarne la fattibilità.

Aristide Galasso

Aristide Galasso

Sulle reali motivazioni che hanno spinto il sindaco Graziano a rompere con l’alleato Aristide Galasso è trapelato qualcosa questa mattina nel palazzo comunale. Secondo quanto si apprende, l’assenteismo da una parte e le manovre ordite con parte dell’opposizione consilaire hanno indispettito non poco il primo cittadino, che dopo la lite avuta venerdì mattina ha preferito tagliare di netto. I primi segnali di incrinamento del rapporto si sono avuti durante le elezioni regionali, quando Galasso si è candidato con il Partito Socialista senza concordare la candidatura con la maggioranza. Poi la quasi assenza alle riunioni di giunta, che hanno determinato un assessorato praticamente privo di guida. Infine, le notizie delle ultime settimane, che avrebbero visto l’ex vicesindaco protagonista di una serie di incontri con una parte dell’opposizione consiliare con il fine di dare una spallata all’attuale governo cittadino. Con lo scopo, manco a dirlo, di ritornare a fare il sindaco come nel 2010.
Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share