• Home »
  • Cronaca »
  • Inchiesta “Pay to drive”, rimangono ai domiciliari nove degli indagati
Inchiesta “Pay to drive”, rimangono ai domiciliari nove degli indagati

Inchiesta “Pay to drive”, rimangono ai domiciliari nove degli indagati

tangenti-patenti-latina-24ore5646Come aveva già fatto per i cinque indagati messi in carcere, sciolta la riserva, il gip Nicola Iansiti ha negato la revoca o la modifica della misura per i nove ai domiciliari. Continuano così a restare privi della libertà i funzionari della Motorizzazione, Laura Terlizzo e Carmine Maietta, e i titolari delle autoscuole Mario Livornese, di Minturno, Franco Ronconi, di Latina Scalo, Linda Iudicone, di Itri, Sergio Bologni, di Sezze, Massimo Camelio, di Gaeta, Giuseppe Antigiovanni, di Formia, e Gerardo Tomao, di Minturno, costretti ai domiciliari.

A trovarsi, invece, ancora in carcere sono Antonella Cianfoni, Pietro Lestingi, Roberto Becchimanzi, tutti funzionari della Motorizzazione, Antonio Ezio Rossini, titolare di autoscuole a Terracina, Monte San Biagio e Fondi, e Francesco Spaziani, titolare di autoscuole a Latina e San Felice Circeo.

Secondo gli inquirenti, all’ombra della Motorizzazione di Latina era stata costituita un’associazione per delinquere, che in cambio di mazzette concedeva a chiunque la patente di guida. In totale gli indagati sono 169. Un’inchiesta nata da un servizio di “Striscia la notizia”, nel 2010, sull’autoscuola di Bologni, a Sezze, e allargatasi a macchia d’olio tra pedinamenti, intercettazioni e interrogatori.

La battaglia principale alcuni degli arrestati la combatteranno comunque mercoledì prossimo, davanti al Tribunale del Riesame di Roma, chiamato a pronunciarsi sull’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Iansiti.

Fonte: LatinaPress.it

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share