Successo per la seconda edizione di Visioni Corte. La serata finale dedicata a Giuliano Gemma

Successo per la seconda edizione di Visioni Corte. La serata finale dedicata a Giuliano Gemma

Il pubblico di Visioni Corte

Il pubblico di Visioni Corte (foto Antonio Cavallo)

Bilancio lusinghiero per la seconda edizione di “Visioni Corte – Rassegna Internazionale del Cortometraggio Indipendente”, svoltasi a Minturno (LT) dall’8 al 12 Ottobre 2013, evento organizzato dall’Associazione Culturale “Il Sogno di Ulisse”. Oltre 500 gli spettatori complessivi per i cinque giorni della manifestazione. Molto partecipata la serata conclusiva, che si è aperta con uno speciale omaggio al grande attore Giuliano Gemma, recentemente scomparso in un tragico incidente. “Noi di Visioni Corte abbiamo voluto rendere omaggio così, con questo collage di suoi grandi successi, a un attore che ha fatto la storia del cinema italiano di genere. Un volto noto a tutti e divenuto caro e familiare, come solo i grandi riescono a fare”, ha dichiarato il direttore artistico Gisella Calabrese.

La serata è stata brillantemente condotta dalla presentatrice professionista Grazia Caruso, che ha all’attivo lavori di caratura nazionale come il Troisi Festival.

Sono stati premiati i registi per le diverse categorie in gara: il premio CortoAnimation è stato assegnato al film “Zweibettzimmer” di Fabian Giessler, proveniente dalla Germania; CortoDoc a “Iceland, the last island” di Alessandro Lucca; CortoFiction a “Un ritorno” di Ciro D’Emilio; CortoMusic a “Vivo così” di Lorenzo Cammisa; CortoZero a “Primera Comunion” di Chiara Sulis (Spagna).

Premio CortoFiction per "Un ritorno". Il regista Ciro D'Emilio tra la presentatrice Grazia Caruso e Giorgio Mennoia, presidente giuria

Premio CortoFiction per “Un ritorno”. Il regista Ciro D’Emilio tra la presentatrice Grazia Caruso e Giorgio Mennoia, presidente giuria (foto Fabrizio Merola)

Diverse le menzioni speciali: la targa della Latina Film Commission è stata assegnata a “Baghdad Messi” di Sahim Omar Kalifa (Kurdistan), che si è anche aggiudicato il Premio del Pubblico; Amnesty International per “More than two hours” di Ali Asgari (Iran); Gaia Italia a “Postales desde la Luna” di Juan Francisco Viruega (Spagna), Pro Loco Minturno a “Una morte annunciata” di Valerio Groppa; Lontano dagli Occhi a “Civvy Street” di Matt Worthington (Inghilterra), che ha raggiunto Minturno per partecipare al festival durante tutto il suo svolgimento; Il Sogno di Ulisse a “Electric Indigo” di Jean Juliette Collette (Belgio). Molta apprezzata anche la partecipazione del gruppo “Diversamente Rossi” di Napoli, autori della canzone del videoclip premiato nella categoria CortoMusic “Vivo così”, che hanno suonato una versione acustica proprio della loro canzone del corto.

Il programma di Visioni Corte è stato molto nutrito quest’anno con ben cinque giorni di programmazione. Martedì scorso la manifestazione si è aperta al Liceo Scientifico “Leon Battista Alberti” con la proiezione e la premiazione della categoria CortoSchool dedicata ai cortometraggi scolastici. E’ stato premiato “Come al solito” di Rodolfo Lissia, votato dagli studenti dell’istituto scolastico.

Premio CortoMusic a "Vivo Così". Il regista Lorenzo Cammisa con i Diversamente Rossi

Premio CortoMusic a “Vivo Così”. Il regista Lorenzo Cammisa con i Diversamente Rossi (foto Antonio Cavallo)

L’evento si è poi spostato al Pub “Lo Scoglio” di Scauri dove mercoledì pomeriggio si è tenuto un CineAperitivo. Il pubblico ha apprezzato particolarmente la formula della visione dei cortometraggi davanti a stuzzichini e aperitivi. Di certo un modo diverso per fruire la Settima Arte, che gli organizzatori della manifestazione riproporranno anche nel periodo natalizio.

Infine, entrambe le serate di giovedì e venerdì, presso il Castello Baronale di Minturno, hanno mantenuto le aspettative, registrando un notevole successo di pubblico.

L'ospite speciale Vladimir Luxuria tra il direttore artistico di Visioni Corte, Gisella Calabrese, e Giuseppe Mallozzi

L’ospite speciale Vladimir Luxuria tra il direttore artistico di Visioni Corte, Gisella Calabrese, e Giuseppe Mallozzi (foto Antonio Cavallo)

Di certo uno degli eventi più attesi è stata la presenza di Vladimir Luxuria, ospite speciale di Visioni Corte. L’autrice, introdotta dal regista e scrittore Ennio Trinelli, ha presentato il suo nuovo romanzo “L’Italia Migliore” davanti a una platea di circa cento persone. Ha deliziato il pubblico descrivendo la storia di Marianna, una nota conduttrice tv, che si fa di coca e ha ottenuto il programma “L’Italia migliore”, una sorta di reality, andando a letto con il disgustoso direttore di Italia Tv, un’immaginaria rete privata. Luxuria ha inoltre divertito il pubblico anche con aneddoti sul mondo dello spettacolo e non si è risparmiata nel concedere firme copie del libro, foto e autografi per i tanti spettatori emozionati, che sono anche intervenuti durante la presentazione con domande a lei rivolte.

Autorevole la giuria tecnica che ha decretato i vincitori delle cinque categorie in gara: presidente di Giuria Giorgio Mennoia, direttore CUT (Centro Universitario Teatrale) di Cassino; il Maestro Antonio Lauritano, regista, compositore e autore Rai; Rino Piccolo, direttore Latina Film Commission; Roberto Donati, critico cinematografico; Ennio Trinelli, scrittore, regista e direttore della testata internazionale Gaia Italia; Antonella Russo, psicoterapeuta; Giuseppe Mallozzi, giornalista; Gisella Calabrese, direttore artistico “Visioni Corte”.

Ennio Trinelli, Vladimir Luxuria e Giuseppe Mallozzi

Ennio Trinelli, Vladimir Luxuria e Giuseppe Mallozzi (foto Antonio Cavallo)

Numerosi i registi e i produttori dei cortometraggi partecipanti intervenuti al festival e provenienti da tutta Italia. Nonostante Visioni Corte sia appena alla seconda edizione si attesta come uno dei festival preferiti dagli autori stranieri. Infatti, su oltre 250 opere pervenute in selezione più della metà era proveniente dall’estero, in particolare Spagna, Francia, Russia, Germania, Inghilterra, Ucraina, Belgio, Grecia, Turchia, Iran, Serbia, Canada, Repubblica Ceca, Olanda, Romania, Stati Uniti e addirittura India, Singapore e Cina.

Grande la soddisfazione dello staff organizzativo del festival per aver confermato il successo della prima edizione, avallato dall’apprezzamento di tutti i partecipanti.
Appuntamento all’anno prossimo.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share