Claudio Petrolo entra nella guida dell’Espresso sui Ristoranti d’Italia

Claudio Petrolo entra nella guida dell’Espresso sui Ristoranti d’Italia

Claudio Petrolo

Claudio Petrolo

Claudio Petrolo, chef di Minturno, ha ricevuto l’ambito “Cappello” dell’Espresso. Il suo ristorante, sito nella bella Piazza Zambarelli, è stato infatti inserito nella Guida dell’Espresso sui “Ristoranti d’Italia 2014“, con un punteggio di tutto rispetto: 15/20. In provincia di Latina sono soltanto in quattro ad aver ottenuto tale riconoscimento: il maestro Gino Pesce dell’Acqua Pazza di Ponza (16/20) e Orestorante, sempre a Ponza (15/20), e in terraferma il Ristorante Satricum (15/20) a nord di Latina e, ovviamente, il ristorante di Claudio Petrolo. Minturno, dunque, assurge a meta per i palati più fini e per gli intenditori del buon cibo. Questa mattina, Petrolo è stato ospite presso la Stazione Leopolda di Firenze per ricevere l’ambito premio delle guide dell’Espresso. Durante la cerimonia sono state presentate le guide “I Vini d’Italia 2014” e i “Ristoranti d’Italia 2014”.

L’evento è stato realizzato da Pitti Immagine e dal Centro di Firenze per la Moda Italiana, con il patrocinio del Comune di Firenze e la collaborazione di Acqua Sparea, Caraiba Luxury, Iper La grande i. In uno spazio d’eccezione come la Stazione Leopolda, a presentare gli eventi della giornata sono stati il Presidente di Pitti Immagine Gaetano Marzotto, il Direttore delle Guide de l’Espresso Enzo Vizzari, il direttore de l’Espresso Bruno Manfellotto, e i due curatori della Guida Vini Ernesto Gentili e Fabio Rizzari. E’ intervenuto anche il sindaco di Firenze Matteo Renzi.

Ecco la recensione apparsa sulla Guida ai Ristoranti d’Italia 2014: “Una bella evoluzione: la trattoria rustica non è più tale, ora è un bel ristorante dai moderni arredi, curato e accogliente, un po’ in contrasto con la piccola piazzetta medievale che propone Claudio Petrolo: immediata, pulita negli accostamenti, netta nei sapori.

Proposte che attingono alle tradizioni del territorio che, in questo piccolo paese collinare, vanno dalla montagna al mare che è lì, a poche centinaria di metri: basta affacciarsi per ammirare il golfo di Gaeta da dove arriva l’ottimo pescato, destinato a trasformarsi in eccellenti paccheri con seppie, bottarga e salsa carbonara senza uovo o in una delicata e gustosa ricciola in sfoglia di melanzane o in emozionanti cappesante su spuma di patate al lime con caviale. Molto altro ancora, compreso invitanti dolci. Bella la carta dei vini in continua evoluzione, servizio attento e un conto che si attesta intorno ai 45 euro”.

Un riconoscimento, questo dell’Espresso, che segue un lungo elenco: l’ultimo in ordine di tempo, lo scorso 7 ottobre, sul Gambero Rosso con un punteggio di 77. Il ristorante di Claudio Petrolo compare anche nella Guida ai Ristoranti e Alberghi del Touring Italia, Guida Ristoranti La Repubblica, Bibenda, Accademia della Cucina, Ristoranti di Roma Corriere della Sera e Roma nel Piatto.
Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share