Minturno 3 e 4, dopo quattro anni e tre sentenze riprendono i lavori

Minturno 3 e 4, dopo quattro anni e tre sentenze riprendono i lavori

Il centro storico di Minturno

Il centro storico di Minturno

A distanza di quattro anni dalla partecipazione ad un bando del comune di Minturno una ditta può finalmente iniziare a lavorare. Ma di quell’appalto milionario ne rimane meno della metà perché una ditta concorrente, proclamata illegittimamente vincitrice, ha già compiuto il 60% dei lavori. Nel giugno 2009 l'<Eurocostruzioni> si era aggiudicata una gara per euro 5.164.569,00 per lavori di risistemazione di alcuni immobili ricadenti negli <ambiti urbani Minturno 3 e 4>. Importo reso disponibile da fondi regionali.

Spulciando le carte però l’impresa Lucci, arrivata seconda, si era accorta della mancanza di alcuni documenti, <male archiviati> secondo le giustificazioni dell’amministrazione pubblica e <magicamente> spuntati fuori solo qualche tempo dopo. Storia di ordinaria burocrazia?

La ditta esclusa non si diede per vinta sollevando davanti al tar di Latina le carenze dei moduli che accompagnavano l’offerta della vincitrice. E il tar confermò questa impressione. Nonostante le ragioni della ditta Lucci fossero poi ribadite anche da una successiva vittoria al consiglio di Stato e dalla nomina di un commissario ad acta, la ricorrente non ha potuto però finora operare.

Vi ha posto rimedio nei giorni scorsi l’organo di giustizia amministrativa presieduto dal magistrato Francesco Corsaro, intimando al comune di Minturno di riconoscere ed accettare, per i lavori rimanenti, le stesse migliorie differenti e meno onerose che erano state proposte dalla ditta precedente. Per i lavori già eseguiti il comune di Minturno si era invece già cautelato stipulando un accordo bonario con la Eurocostruzioni. Ne è conseguita la rinuncia della ditta estromessa alle <riserve> presentate sui lavori fin qui eseguiti.
Antonello Fronzuto

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share