Altri tre giorni di sciopero per il Quotidiano “La Provincia”

Altri tre giorni di sciopero per il Quotidiano “La Provincia”

La Provincia

La Provincia

Associazione Stampa Romana e Slc Cgil Latina e Frosinone dichiarano altri tre giorni di sciopero, a partire da domani, contro la decisione della Effe Cooperativa di chiudere il Quotidiano La Provincia, edizione di Latina. Le diverse iniziative di protesta messe in atto finora sono cadute nell’indifferenza più assoluta lasciando i lavoratori ancora una volta senza stipendio e senza alcun tipo di certezza per il futuro.

Durante l’ultimo incontro, convocato dal Prefetto di Latina lo scorso lunedì 21 ottobre, la Effe Cooperativa è rimasta ferma sulle proprie posizioni non dando alcuna garanzia ai lavoratori né per quanto riguarda il recupero delle spettanze arretrate, né per quanto concerne un possibile piano di rilancio della testata giornalistica.

Intanto i mesi passano e le difficoltà economiche in cui versano i 17 giornalisti e i 5 poligrafici della redazione di Latina si aggravano sempre più. Difficoltà a cui si aggiungono disagi di natura organizzativa che vanno ad intaccare seriamente la dignità professionale dei lavoratori non più messi nelle condizioni minime per poter svolgere il proprio lavoro.

I dipendenti della redazione Latina sono ancora in attesa di 5 mensilità (tra qualche giorno le mensilità arretrate diventeranno 6), dell’indennità redazionale, del rimborso 730, degli assegni familiari e di quelli relativi alla legge 104/1992. L’Associazione Stampa Romana e Slc Cgil Latina e Frosinone hanno intanto aderito alla proposta di incontro avanzata dalla Effe Cooperativa in agenda per mercoledì prossimo 30 ottobre dal quale si aspettano finalmente proposte concrete e l’adempimento degli impegni finora disattesi.

L’Associazione Stampa Romana
Slc Cgil Latina e Frosinone

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share