Via Luigi Cadorna al buio da due giorni, la segnalazione dei residenti

Via Luigi Cadorna al buio da due giorni, la segnalazione dei residenti

Uno scorcio di Via Luigi Cadorna

Uno scorcio di Via Luigi Cadorna

Via Luigi Cadorna è al buio da due giorni. A causare il disservizio è stato probabilmente il maltempo dell’altra notte, forse un fulmine deve aver danneggiato una centralina. In particolare, ad oggi resta totalmente senza illuminazione un lungo tratto della strada che va dal cimitero fino all’incrocio con la superstrada Formia-Cassino. La via è molto trafficata in quanto collega Minturno a Santa Marina Infante, frazione densamente abitata. Una strada sulla quale in molti al volante hanno il “piede pesante” rendendola quindi pericolosa. Inoltre, in tanti si avventurano a piedi, non possedendo un mezzo di locomozione. Senza contare i bus che si arrestano alle fermate per far scendere i propri passeggeri. Si capisce quanto una strada del genere possa mettere a repentaglio la vita di molti. Ancor di più se resta al buio. In queste ore si sono susseguite le segnalazioni all’Enel da parte dei residenti ma tutte hanno ricevuto il medesimo messaggio: “La segnalazione deve provenire dal Comune altrimenti non possiamo agire”. Ha dell’incredibile questa risposta, come fa notare una signora che abita in Via Luigi Cadorna: “Chiamo da privata cittadina per segnalare il problema e l’Enel mi dice che non posso farlo io, ma deve farlo il Comune che, per inciso, sto ancora aspettando per una lampada guasta del lampione di fronte casa mia. Ad oggi nessuna segnalazione è stata fatta dal Comune di Minturno e quindi noi tutti dobbiamo stare al buio, con tutti i rischi connessi. E meno male che siamo in pieno centro abitato”. Rilanciamo la segnalazione all’amministrazione comunale affinché affronti il problema in tempi rapidi.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share