• Home »
  • Cronaca »
  • Si fingono operatori della Confconsumatori per avere dati sensibili, l’allarme dell’associazione
Si fingono operatori della Confconsumatori per avere dati sensibili, l’allarme dell’associazione

Si fingono operatori della Confconsumatori per avere dati sensibili, l’allarme dell’associazione

confconsumatoriLo sportello di Parma di Confconsumatori e lo sportello di Minturno (Latina) hanno ricevuto, nell’ultima settimana, alcune segnalazioni da parte di cittadini, che sostenevano di essere stati contattati telefonicamente da un’operatrice che si è qualificata come “Confconsumatori”. Il contenuto della telefonata, secondo le testimonianze raccolte era a grandi linee questo: «Buongiorno, sono della Confconsumatori stiamo svolgendo un sondaggio perchè abbiamo riscontrato degli aumenti ingiustificati nelle bollette di luce e gas. Lei quanto paga in bolletta?».

Confconsumatori chiarisce di non avere autorizzato nessuna indagine di mercato e di non avere nulla a che fare con le telefonate di cui è venuta a conoscenza tramite la segnalazione di alcuni soci che, giustamente, si sono insospettiti.

Chi avesse ricevuto telefonate simili è pregato di segnalarlo alla sede di Confconsumatori Latina che sta valutando di presentare un esposto contro ignoti e denunciare all’Autorità competenti la pratica scorretta posta in essere. Il consiglio dell’associazione ai consumatori è, come sempre, quello di non fornire mai al telefono i propri dati sensibili e di diffidare di eventuali suggerimenti o indicazioni che potrebbero essere stati forniti da operatori non autorizzati.

Per informazioni è possibile prenotare un appuntamento presso la sede di Latina (sede Unione Artigiani Italiani via Eroi del Lavoro n. 7) o la sede di Minturno (via Appia n. 542)

Recapiti : 0773/1762559 – 0771681022 – 3495000314.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share