• Home »
  • Cronaca »
  • Investita da un pirata della strada su Via Luigi Cadorna, donna viva per miracolo
Investita da un pirata della strada su Via Luigi Cadorna, donna viva per miracolo

Investita da un pirata della strada su Via Luigi Cadorna, donna viva per miracolo

Via Luigi Cadorna

Via Luigi Cadorna

È viva per miracolo Rosa Palmiero, la signora di 47 anni che mercoledì sera è stata investita da un pirata della strada lungo Via Luigi Cadorna a Minturno. Erano le 18,30 circa quando la donna stava passeggiando sul ciglio della strada con il suo cane. Ad un certo punto è sopraggiunta un’auto a forte velocità e solo per un caso non l’ha colpita in pieno. La signora Palmiero è stata colpita dalla fiancata laterale del veicolo ed è stata sbalzata violentemente a terra (nella foto il punto dove è avvenuto l’investimento). È riuscita soltanto a vedere il colore dell’auto, bianco, e che si trattava di una city car. In lontananza il conducente si era fermato, per poi pestare sull’acceleratore e scappare via. Nonostante i forti dolori, soprattutto ad una gamba, è riuscita ad alzarsi e zoppicando a raggiungere la propria abitazione che fortunatamente si trovava vicino. A niente sono serviti i richiami alle altre vetture per cercare aiuto: nessuno degli automobilisti si è fermato per prestare soccorso. La donna ha sporto denuncia verso ignoti. “Via Luigi Cadorna – denuncia la signora Palmiero – è una strada pericolosa, dove in tanti corrono a forti velocità, mettendo a repentaglio la vita di chi cammina sul ciglio della strada. E di persone che percorrono questa strada a piedi ce ne sono tante, soprattutto anziane che si recano al cimitero. Manca un marciapiede, non sono installati dossi né dissuasori, è poco illuminata. Qui capitano spesso incidenti. Ci vorrebbero maggiori controlli”.
Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share