• Home »
  • Politica »
  • La nuova geografia giudiziaria in discussione al prossimo consiglio comunale
La nuova geografia giudiziaria in discussione al prossimo consiglio comunale

La nuova geografia giudiziaria in discussione al prossimo consiglio comunale

Il Consiglio Comunale di Minturno

Il Consiglio Comunale di Minturno

La nuova geografia giudiziaria sarà al centro del prossimo consiglio comunale, convocato per lunedì prossimo, 16 dicembre, alle ore 19. In discussione sarà, infatti, l’annessione del territorio del Comune di Minturno nelle competenze del Tribunale di Cassino. Secondo quanto si evince dalla delibera di giunta 343 del 5 dicembre scorso (disponibile alla fine dell’articolo), l’amministrazione non si è espressa in maniera netta, deliberando al contrario “di formulare espressa richiesta al Governo e al Parlamento, affinché venga istituito il Tribunale autonomo dell’area del Sud Pontino”. Stando così le cose, Minturno rientrerebbe nelle competenze del Tribunale di Latina, essendo stato soppresso il presidio di giustizia di Gaeta. Il che arrecherebbe non pochi disagi ai cittadini, che troverebbero più comodo recarsi nella vicina Cassino piuttosto che nel capoluogo pontino.

Gli altri Comuni limitrofi, Castelforte, Santi Cosma e Damiano e Spigno Saturnia, si sono mossi per tempo, già da due settimane, e si sono espressi con appositi consigli comunali in favore di Cassino, siglando anche un protocollo d’intesa.

L’urgenza è nata in seguito alla riforma proposta dal senatore Claudio Moscardelli, che sostiene l’allargamento dell’attuale circoscrizione giudiziaria del Tribunale di Latina ai Comuni del Golfo di Gaeta che si sono espressi in tal senso, ossia con l’esclusione dei Comuni di Santi Cosma e Damiano, Castelforte e Spigno Saturnia che, attraverso la massima assise comunale hanno già espresso la volontà di rimanere aggregati alla circoscrizione giudiziaria di Cassino, come peraltro previsto dalla legge attualmente vigente ed entrata in vigore qualche mese fa. Qualora questa proposta dovesse passare in Senato, come è probabile, tutti i Comuni del sud pontino, ad eccezione dei tre su citati, rientreranno nella giurisdizione del Tribunale di Latina.

In un primo momento Minturno ha lasciato correre, per poi approvare di fretta la delibera dello scorso 5 dicembre ma dando per scontato – come si legge in delibera – che rientrasse nella competenza di Cassino. Ma così non è nella realtà. E nella deliberazione finale non viene nemmeno centrato questo punto, bensì la richiesta al Governo della riapertura di Gaeta. Ipotesi quanto mai remota, se non impossibile, dati i tagli effettuati a suo tempo da Monti. Di qui l’inserimento dell’argomento all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale, organo deputato nella decisione.

Nel corso dell’assise, infine, si discuterà anche di altri punti: comunicazioni del sindaco; presa d’atto nomina nuovo Collegio dei Revisori dei Conti; perimetrazione nuclei abusivi; elezioni componenti Comitato Autorità Locali; riconoscimento banda comunale “Antonio Proia”; interpellanze e interrogazioni.
Giuseppe Mallozzi

DOWNLOAD: Delibera GC 343-2013

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share