• Home »
  • Attualità »
  • Lumini cimiteriali al posto delle luminarie: la protesta dei commercianti della Via Appia
Lumini cimiteriali al posto delle luminarie: la protesta dei commercianti della Via Appia

Lumini cimiteriali al posto delle luminarie: la protesta dei commercianti della Via Appia

Scauri - Via Appia

Scauri – Via Appia

Lumini cimiteriali al posto delle luminarie. È la forma di protesta che i commercianti della Via Appia di Scauri insceneranno nei prossimi giorni contro il Comune di Minturno a causa della mancata installazione delle luminarie natalizie lungo la strada dello shopping. Sarà, insomma, un Natale “funebre” quello che si vedrà a Scauri nei prossimi giorni. In poco tempo la singolare idea di protesta, lanciata su Facebook da Maria Rotonda D’Alterio, nota commerciante locale, ha incassato il sostegno di moltissimi esercenti che si apprestano ad accendere i lumini davanti alle proprie vetrine. “Oggi – si legge nel suo status sulla bacheca del proprio profilo personale nel celebre social network – in qualsiasi paese città italiana vengono accese le luminarie o alberi di Natale… a Scauri niente che tristezza… allora faccio un appello chiedo a tutti i commercianti del Comune di Minturno e soprattutto a quelli di Scauri di accendere i lumini davanti ai propri negozi in forma di protesta, siete d’accordo?” Una provocazione, nata quasi per gioco, che però è stata presa molto sul serio dagli altri negozianti e si è trasformata in un modo anche per richiamare l’attenzione dell’amministrazione comunale su un’area problematica, come quella della Via Appia, che in questi ultimi anni ha registrato la chiusura di almeno un centinaio di negozio. Vendite in calo, mancanza di appeal dal punto di vista dell’arredo urbano, desolazione e scarsa illuminazione notturna. A questi disagi che segnalano i commercianti si aggiunge ora anche l’assenza di luminarie natalizie. Sono state installate delle stelle grandi soltanto in pochi punti, come Piazza Rotelli o in altri incroci principali. I negozianti lamentano anche il fatto di non essere stati interpellati per dare un sostegno. Insomma, quello che i cittadini si apprestano a vedere sarà un Natale funebre, altro che buone feste.
Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share