• Home »
  • Magazine »
  • Ambiente: le azioni di Provincia, Comuni e parrocchie per salvaguardarlo
Ambiente: le azioni di Provincia, Comuni e parrocchie per salvaguardarlo

Ambiente: le azioni di Provincia, Comuni e parrocchie per salvaguardarlo

Centrale Nucleare del Garigliano

Centrale Nucleare del Garigliano

Sono inquinate le terre e i mari nel sud pontino? E’ sicura la centrale nucleare chiusa nel lontano ‘78? Dopo le dichiarazioni del pentito Carmine Schiavone il tema ambientale continua ad essere una delle principali preoccupazioni di Enti, Cittadini e Parrocchie nel territorio Aurunco. Per cercare una risposta abbiamo intervistato il Dott. Gerardo Stefanelli, Assessore all’Ambiente della Provincia di Latina: “Riguardo alla Centrale Nucleare, un traguardo importante è stato ottenere il coinvolgimento di ARPA Lazio nel monitoraggio della stessa unitamente ad ARPA Campania e all’ISPRA, al fine di certificare l’impatto ambientale sul territorio aurunco. Ciò è stato possibile grazie alla partecipazione della Provincia di Latina al tavolo della trasparenza, indetto dalla Regione Campania. Riguardo all’inquinamento marino, in collaborazione con l’ARPA Lazio e la Sapienza, abbiamo avviato il progetto SAMOBIS, una vera e propria rete ecologica di monitoraggio dell’inquinamento, che tramite il collocamento di boe rilevatrici, consente di controllare costantemente la tipologia e la provenienza dell’inquinamento. Già nel 2011 avevamo sorvolato il litorale con un elicottero dotato di strumentazione idonea a identificare gli scarichi e abbiamo comunicato i dati ai Comuni competenti per identificare quelli abusivi. Al termine del progetto nel 2014, avremo la possibilità di valutare in tempo reale l’origine degli scarichi”. Riguardo alle discariche abusive, Stefanelli ha voluto doverosamente sottolineare che “la Commissione Bicamerale di inchiesta del 2007 aveva lodato la Polizia Provinciale di Latina, che con il suo metodo investigativo ha consentito di individuare i luoghi contaminati e di favorire la successiva inchiesta”. Sul fronte delle Parrocchie, il 14 dicembre presso S. Albina di Scauri si è tenuto il dibattito: “Il Vangelo della terra dei fuochi”, con Don Adriano Police parroco a Crispano, dello “staff” di don Maurizio Patriciello che, come ha dichiarato Roberto Saviano: “rappresenta un riferimento, un conforto e un aiuto alla legalità”. Legalità pretesa dai Sindaci aurunci e del nord casertano che hanno chiesto azioni immediate sui rischi connessi ai rifiuti tossici interrati e della centrale nucleare: dopo aver firmato a Minturno un patto per la salvaguardia dell’ambiente e aver minacciato di presentarsi davanti alla Procura di S. Maria Capua Vetere, sono stati ricevuti il 10 dicembre dal Procuratore capo Corrado Lembo. Questi ha rassicurato sul fatto che sono in corso indagini tramite strumentazione sofisticata da parte di Enti qualificati, i cui risultati saranno resi noti al termine dell’indagine e che presumibilmente verrà chiusa nel giro di pochi mesi poiché non stanno emergendo criticità né sul fronte della radioattività né dai primi carotaggi sui terreni. Ha inoltre garantito che per queste indagini il Governo ha stanziato 2 milioni e 800.000 euro mentre per i lavori di bonifica circa 400 milioni di euro, e che su un organico di 5 magistrati per materie ambientali, 4 sono assegnati proprio a queste indagini. Si può davvero cominciare a sperare di stare tranquilli? Staremo a vedere.
Alfonso Artone

Articolo Pubblicato sul quotidiano “l’Avvenire” il 15/12/2013

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share