Valorizzazione del pesce azzurro, successo per il progetto Agire

Valorizzazione del pesce azzurro, successo per il progetto Agire

ragazzi-alberghieroGrande successo per l’iniziativa di oggi, organizzata nell’ambito del progetto “AGIRE: Azioni Giovanili di Integrazione delle Risorse e delle Esperienze” dall’associazione Arcangela Tarabotti. Il progetto è finanziato da Cesv- Spes Lazio con il bando “Socialmente” e realizzato insieme all’associazione “Insieme- Immigrati in Italia”. “Stiamo realizzando – spiegano gli organizzatori – un documentario sulla valorizzazione del pesce povero del mar Tirreno pescato nel Golfo di Gaeta. Il pesce povero è quello che solitamente non viene venduto, perché considerato meno pregiato e viene riutilizzato dai pescatori per pescare. Invece il pesce povero è ricco di nutrienti al pari di altri pesci considerati «nobili», ma ha il vantaggio di essere venduto ad un prezzo molto inferiore! Perché promuovere la valorizzazione del pesce povero del Golfo di Gaeta? Perché l’Italia povera sta rinunciando alle proteine!” L’Istat ha aggiornato il ritratto delle condizioni di vita degli italiani e quello che emerge a fine 2013 è che sempre più famiglie non possono permettersi un pasto proteico adeguato ogni due giorni (dal 12,4% al 16,8%), quindi l’apporto di un numero sufficiente di proteine alla propria dieta, anche dei bambini e ragazzi in crescita. Quasi la metà (il 48%) dei residenti nel Mezzogiorno è a rischio di povertà ed esclusione ed è in tale ripartizione che l’aumento della severa deprivazione risulta più marcato. L’evento di oggi, a chiusura del progetto, ha visto i ragazzi partecipanti cucinare un intero pranzo utilizzando il pesce povero. Sono stati invitati a partecipare i sindaci dei comuni del Sud Pontino, alcuni assessori, i referenti di alcune cooperative sociali, alcuni presidi, i referenti delle cooperative dei pescatori.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share