• Home »
  • Politica »
  • Il gruppo consiliare di “Minturno Viva” aderisce al Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano
Il gruppo consiliare di “Minturno Viva” aderisce al Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano

Il gruppo consiliare di “Minturno Viva” aderisce al Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano

Il sindaco Paolo Graziano, il presidente del consiglio comunale Gianni Izzo e il segretario comunale Massimina De Filippis

Il sindaco Paolo Graziano, il presidente del consiglio comunale Gianni Izzo e il segretario comunale Massimina De Filippis

Il gruppo di “Minturno Viva” aderisce al Nuovo Centrodestra. Sebbene la notizia non sia stata ancora confermata ufficialmente, i consiglieri di maggioranza dell’ex Lista Galasso e lo stesso assessore ai lavori pubblici Fabio Saltarelli sono entrati nel nuovo partito politico fondato dall’attuale Ministro dell’Interno e vicepremier Angelino Alfano. Si è svolto un incontro proprio sabato scorso al Bar Morelli di Scauri con il rappresentante provinciale del Nuovo Centrodestra, Enrico Tiero, al quale erano presenti Saltarelli e i consiglieri Elena Conte, Gianni Izzo, Massimo Ferrara e Domenico Riccardelli. Anche Mario Ruberto, attuale capogruppo di “Minturno Viva”, ha deciso di aderire al nuovo sodalizio politico, pur avendo militato in passato in Forza Italia. Unico ancora in forse è Massimo Ferrara, che sta decidendo e potrebbe aderire in qualità di indipendente. Resta da vedere se in consiglio comunale i consiglieri resteranno civici. Nei prossimi giorni, comunque, sarà pubblicato un documento ufficiale dal gruppo.

Gli altri cinque consiglieri della Lista Graziano sembra che non aderiranno a Forza Italia, come invece ha già fatto il sindaco Paolo Graziano, per il quale è un po’ un ritorno a casa, in quanto la prima volta da sindaco nel 1995 fu eletto proprio nelle file del partito di Silvio Berlusconi. Certo, a livello nazionale i due partiti di centrodestra si ritrovano l’uno contro l’altro, a Minturno invece vanno a braccetto. Staremo a vedere se questa scelta rappresenterà un motivo di frizione.

In effetti, nella lettera programmatica di “Minturno Viva” all’indomani della defenestrazione del vicesindaco Aristide Galasso furono inviate delle frecciate abbastanza dirette al sindaco Graziano. Tra l’altro, anche durante la votazione per i nuovi componenti del CAL all’ultimo consiglio comunale, è emersa da una parte una compattezza forte del gruppo “Minturno Viva” che – secondo le indiscrezioni – ha votato il candidato Polisena (6 voti, quindi aggiungendosi anche un altro voto di un consigliere di altro schieramento), mentre il candidato appoggiato da Graziano, Coppa, ha ricevuto 4 voti: con ogni probabilità uno dei suoi consiglieri si è astenuto. E’ chiaro che si tratta di congetture in attesa di conferme, ma resta comunque il fatto che vi sia in corso una riorganizzazione dei gruppi politici.

Last but not least, alcuni “mal di pancia” interni cominciano ad emergere, come la posizione del consigliere Americo Zasa sempre più critico nei confronti della maggioranza: non sarebbe un caso la sua assenza ai consigli comunali in materia di Tares e Bilancio, argomenti delicati sui quali occorreva l’apporto di tutta la maggioranza in sede di approvazione, e nemmeno la sua astensione sul punto all’ordine del giorno riguardante i nuclei abusivi all’ultima assise civica.

E movimenti sarebbero in corso anche nelle file dell’opposizione: Raffaele Chianese, attuale capogruppo dell’Udc, potrebbe essere interessato ad entrare nel Partito Democratico. Notizia comunque non confermata dall’interessato, che si è recato a votare in occasione delle Primarie. Ma si sa quanto in politica a farla da padrona sia la strategia e quindi spesso le carte vengono scoperte a tempo debito.
Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share