• Home »
  • Attualità »
  • Chiude il quotidiano “La Provincia”, l’editore blocca la porta con il silicone
Chiude il quotidiano “La Provincia”, l’editore blocca la porta con il silicone

Chiude il quotidiano “La Provincia”, l’editore blocca la porta con il silicone

La Provincia

La Provincia

Hanno trovato la porta della redazione sbarrata: per non farli entrare l’azienda ha bloccato la serratura con una vite e del silicone, per rendere la chiave inservibile.  E’ successo nella sede della Provincia di Latina. Dopo lo sciopero iniziato il 30 dicembre e finito il 4 gennaio contro l’annunciata soprpressione del quotidiano, i 21 dipendenti si preparavano all’assemblea permanente ma la proprietà, la Effe Coop – che fa capo ad Arnaldo Zeppieri, potentissimo costruttore ed editore ciociaro – li ha chiusi fuori.  E’ l’ennesimo schiaffo ai 16 giornalisti e 5 poligrafici del quotidiano che da sette mesi non ricevono lo stipendio. A novembre, infatti, era stato firmato un accordo in regione in cui si evitava la chiusura attraverso la cassa integrazione al 50%. Accordo saltato: ferie forzate e cassa a zero ore.   Da tempo la crisi aveva gettato un’ombra sulla redazione di Latina. I sindacati, in una nota di qualche mese fa, ne avevano fatto una cronistoria: nel maggio 2013 l’annuncio della chiusura “motivata con l’assenza di liquidità dovuta ad una inchiesta che ha portato alla sospensione dei contributi del Dipartimento editoria per l’anno 2011”. A giugno erano arrivati il taglio dei collaboratori con il mancato rinnovo dei contratti a tempo determinato e la stampa a foliazione dimezzata (da una sessantina di pagine a 32). “Insomma – scrivevano – la Effe cooperativa dopo aver chiesto per quasi 10 anni sacrifici ai propri dipendenti intende, ora, lasciarli in mezzo ad una strada”.
Fonte: RaiNews

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share