Caso “La Provincia”, i lavoratori scendono di nuovo in strada

Caso “La Provincia”, i lavoratori scendono di nuovo in strada

Un momento della protesta

Un momento della protesta

Non si spegne la protesta dei lavoratori del Quotidiano “La Provincia” di Latina. Venerdì prossimo, 24 gennaio 2014, il personale della Effe Cooperativa Editoriale Spa, a partire dalle ore 10, sarà in strada davanti all’ingresso della Cassa Edile in via Tiburtina 4 a Frosinone e di fronte il grattacielo “Edera”, in cui ha sede il consorzio Asi. Nell’ambito di questa nuova iniziativa di protesta giornalisti e poligrafici distribuiranno ai cittadini dei volantini per fare ulteriore chiarezza sul caso “La Provincia”. La società editrice dopo aver beneficiato per circa 8 anni di contributi pubblici ha ora deciso di sbattere la porta in faccia ai 21 lavoratori di Latina calpestando in più occasioni e con modalità diverse i loro diritti: non è stato rispettato l’accordo firmato in Regione lo scorso novembre che prevedeva una cassa integrazione straordinaria al 50% con rotazione del personale di Latina e Frosinone, non sono state pagate 9 mensilità, non sono stati corrisposti i rimborsi 730, le indennità di disabilità e maternità e gli assegni familiari. Ma c’è di più: la Effe Cooperativa, dopo aver deciso unilateralmente di sospendere le pubblicazioni di Latina, ha anche impedito ai dipendenti di rientrare all’interno della redazione sigillando la porta di ingresso con del silicone. Ai giornalisti e poligrafici pontini non è rimasto altro da fare che riunirsi in assemblea permanente presso i locali della redazione ciociara che presidiano giorno e notte ormai da due settimane. I 21 dipendenti di Latina chiedono rispetto della loro dignità sia come persone, sia come lavoratori e richiamano l’azienda a farsi carico delle proprie responsabilità.
Il Comitato di Redazione del Quotidiano “La Provincia”
Associazione Stampa Romana
Slc Cgil Latina e Frosinone

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share