Monitoraggio e razionalizzazione delle spese, le precisazioni

Monitoraggio e razionalizzazione delle spese, le precisazioni

Il Comune di Minturno

Il Comune di Minturno

Una convenzione tutta da rivedere. Sono le precisazioni provenienti dal dott. Fabio Conte, il consulente incaricato dal Comune di Minturno per il monitoraggio e la razionalizzazione della spesa, incarico che ha ricevuto critiche dall’opposizione consiliare. Inesatto anche l’importo del compenso: sul contratto allegato alla delibera 20/2013 si legge che “sarà corrisposto un compenso pari al 25% più Iva del risparmio generato nel quadrimestre, per un anno per ogni servizio analizzato”. “I numeri di cui parliamo non sono esatti – dice il dott. Conte – l’importo non è il 25% del risparmio ottenuto, ma il 25% del 50% del risparmio ottenuto. Questo perché c’è il proposito di dare una scossa all’informatizzazione del Comune. E’ nota la condizione in cui si trova in questo momento l’Ente, per quanto concerne i servizi informatici e non solo. Ho proposto di recuperare tali fondi dal risparmio che si otterrebbe applicando gli stessi senza ulteriori aggravi di spesa. È mia intenzione attivare ad esempio una pagina in cui è possibile visionare lo stato delle utenze del Comune o poter verificare in tempo reale lo stato della propria fattura per quanto concerne i fornitori dell’Ente. Inoltre vorrei strutturare una serie di altri servizi come lo streaming delle sedute consiliari e una gestione delle chiamate attraverso ticket per monitorare i disservizi come avviene in altri Comuni, questo ovviamente utilizzando piattaforme open source. La gestione delle fatture sarà un elemento importante e determinante ma è solo una parte di ciò che intendo raggiungere. Ovviamente resto aperto anche a tutte le richieste che mi verranno fatte, vorrei essere inteso come un tecnico e non come un politico”. In merito all’allegato della delibera di giunta, ovvero il contratto, il dott. Conte specifica: “Ho avuto modo di verificare delle imperfezioni che io stesso farò notare e che ovviamente andranno a confermare quanto scritto precedentemente. Preparerò anche una roadmap operativa che vorrei condividere sia con la maggioranza che con l’opposizione per quanto riguarda la parte politica, ma soprattutto con tutti i dipendenti dell’Ente e i cittadini che vorranno suggerire ulteriori migliorie e idee”. Infine, fanno sapere dal Comune che l’assessore ai lavori pubblici Fabio Saltarelli si sarebbe astenuto dalla votazione, ma per un errore nella delibera non è stato inserito tale particolare. Pertanto, il documento sarà annullato e sostituito con una nuova delibera di giunta, come pure il nuovo contratto. Tra l’altro, si menziona un responsabile area beni e servizi che al Comune di Minturno non esiste. Anche il termine “Area” è inesatto, in quanto l’amministrazione Galasso ripristinò i Servizi e relativi responsabili nel 2010, dopo che erano state introdotte le Aree con la giunta Sardelli.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share