Rifiuti, proroga di tre mesi all’Asa in attesa del nuovo bando

Rifiuti, proroga di tre mesi all’Asa in attesa del nuovo bando

ASAProroga di soli tre mesi per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani del Comune di Minturno. Dopo sei mesi di contratto di appalto temporaneo affidato al CNS di Bologna, che ha girato il servizio alla sua consociata ASA di Cisterna, il responsabile del servizio igiene, Carlo Frasca, per mezzo della determina n. 7 del 23 gennaio scorso (disponibile alla fine dell’articolo) ha prorogato l’incarico della ditta che da luglio 2013 sta gestendo la raccolta dei rifiuti. Un passaggio obbligato, in mancanza della nuova gara d’appalto. Il costo complessivo sarà di 657.337,89, ripartito in tre rate da 219.112,63 al mese. L’ASA, quindi, opererà fino al prossimo 24 aprile, data entro la quale dovrebbe essere affidato il nuovo appalto dei rifiuti, della durata di sette anni, in attesa di discussione al prossimo consiglio comunale. Resta da vedere se il termine di tre mesi basterà per svolgere tutte le operazioni, visto che il nuovo capitolato d’appalto deve ancora essere approvato dal consiglio comunale. Serviranno infatti 60 giorni per la pubblicazione del bando a livello europeo, 30 giorni per la nomina della commissione e la valutazione delle offerte, e almeno 45 giorni per l’affidamento. In tutto 135 giorni, un termine che supera abbondantemente la tempistica della proroga, che probabilmente ne richiederà un’altra. Senza aggiungere intoppi vari, come per esempio un eventuale ricorso di una ditta esclusa, come è avvenuto con l’affidamento alla Ego Eco e le citazioni in giudizio della De Vizia, che hanno fatto slittare di un anno l’incarico. Sul nuovo bando sono stati recentemente sollevati dubbi da parte del consigliere comunale Gerardo Stefanelli, che ha chiesto chiarezza sui presunti rapporti tra il Cns, la ditta che tramite l’Asa sta svolgendo il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani per il Comune di Minturno, e la Cooperativa Erica, che sta redigendo il nuovo appalto. Il presidente della coop, Roberto Cavallo, ha inviato una risposta al consigliere dell’opposizione, con la quale smentisce tali rapporti. La questione è stata comunque presa in attenzione anche dal sindaco Paolo Graziano, il quale ha chiesto alla Guardia di Finanza di Formia di effettuare dei controlli al fine di sciogliere ogni dubbio prima di procedere con la nuova gara d’appalto.
Giuseppe Mallozzi
DOWNLOAD: Determina 7-2014

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share