• Home »
  • Politica »
  • Nuovo esposto contro le consulenze. Pentimalli attacca sulla delibera del monitoraggio e la razionalizzazione dei servizi
Nuovo esposto contro le consulenze. Pentimalli attacca sulla delibera del monitoraggio e la razionalizzazione dei servizi

Nuovo esposto contro le consulenze. Pentimalli attacca sulla delibera del monitoraggio e la razionalizzazione dei servizi

Livio Pentimalli

Livio Pentimalli

Nuovo esposto sulle collaborazioni esterne del Comune di Minturno. Dopo quelle sulle posizioni di Francesco Bruno e Attilio Novelli, l’ex consigliere comunale Livio Pentimalli torna alla carica puntando il dito contro la delibera 27/2014 (disponibile alla fine dell’articolo) con la quale l’amministrazione comunale ripropone la consulenza per il monitoraggio e la razionalizzazione dei servizi. Come si ricorderà, era nata una polemica per la precedente delibera, la n.20 con la quale l’amministrazione affidava di fatto il servizio al dott. Fabio Conte, parente dell’assessore Fabio Saltarelli, delibera che poi è stata annullata per alcune imprecisioni.

La denuncia di Livio Pentimalli è stata inviata alla Procura della Repubblica di Cassino, alla Corte dei Conti, al Dipartimento Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Dipartimento per gli affari interni e territoriali del Ministero dell’Interno, all’Autorità Nazionale Anticorruzione.

“Con delibera G.M. n.20 – si legge nell’esposto – l’Amministrazione deliberava di dare incarico al responsabile del servizio ‘dell’Area Acquisto e Beni e Servizi’ di individuare apposito consulente per il monitoraggio e razionalizzazione dei servizi e risparmio della spesa. Con la stessa delibera si approvava lo schema di contratto in allegato ma conteneva una stranezza: sullo schema del contratto risultava già scritto il nome e cognome del consulente rendendo così chiaro che il caposervizio non era in condizione di scegliere il nome perché la giunta aveva già fatto la sua scelta all’unanimità per il nominativo scritto, anche parente di un assessore.

La G.M. di Minturno, con Delibera N. 26 del 20/1/2014, visti i reati commessi ed il ridicolo di cui si erano ricoperti annullava la delibera G.M. n. 20 del 16/1/2014. Si prega notare che dopo tre giorni, con la delibera n. 27 la G.M. dava di nuovo incarico al capo area acquisti e servizi di trovare il consulente per la razionalizzazione ed il risparmio di spesa.

A tal proposito si fa notare che: 1) nel Comune di Minturno non esistono le AREE; 2) Questa volta manca lo schema del contratto in allegato ma già si da per certo che il nominato sarà non uno scelto per le sue capacità ma il Sig. Conte Fabio che la G.M. aveva già indicato illegalmente nell’allegato contratto alla delibera n. 20 del 16/1/2014 e, ripeto parente di un assessore che ha deliberato in giunta; 3) Non è indicato in alcun modo quale sia la spesa presuntiva a carico dell’Ente tenendo presente che, se l’importo supera i 40.000 euro deve essere fatta regolare gara”.

DOWNLOAD: Delibera GC 27-2014

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share