• Home »
  • Cronaca »
  • Arrestati due baby estorsori di Minturno, denunciati altri cinque tra i banchi di scuola
Arrestati due baby estorsori di Minturno, denunciati altri cinque tra i banchi di scuola

Arrestati due baby estorsori di Minturno, denunciati altri cinque tra i banchi di scuola

Polizia

Polizia

Sono tutti di Minturno i sette giovani responsabili di estorsione nei confronti di un loro coetaneo, al quale offrivano “protezione” in cambio di cinquanta euro a settimana. E’ quanto scoperto dagli agenti del Commissario di Polizia di Formia, coordinati dal vicequestore Paolo Di Francia, ai quali si è rivolto un sedicenne, sempre originario di Minturno, frequentante l’Istituto Professionale “Enrico Fermi” di Formia. Dall’inizio dell’anno doveva pagare 50 euro a settimana per evitare che altri minorenni, che in seguito si è scoperto appartenenti alla stessa banda, lo picchiassero. Quando i pagamenti tardavano, arrivavano le botte.  Ormai esasperato, ha chiesto aiuto alle forze dell’ordine. L’ultimo episodio due giorni fa, quando ha dovuto fare ricorso alle cure mediche presso il pronto soccorso dell’Ospedale “Dono Svizzero” di Formia, dal quale è stato dimesso con cinque giorni di prognosi. Ieri mattina è seguita l’operazione della Polizia. Gli agenti appostati hanno seguito le mosse dei due baby estorsori, assistendo allo scambio di denaro tra la vittima e i suoi aguzzini, nel quartiere di Mola prima dell’orario di ingresso a scuola. È seguito il blitz, che ha portato all’arresto di due minorenni (di 14 e 15 anni) per estorsione, lesioni e minacce, che sono stati tradotti presso il centro di prima accoglienza per minori di Roma, e alla denuncia di altri cinque coetanei. La Polizia ha portato alla luce un piano ben orchestrato: i cinque complici picchiavano la vittima, gli altri due si offrivano di darle protezione. In tutto sono riusciti a far versare al sedicenne la somma di 150 euro. Agli agenti uno di capi ha detto: “Siamo bravi ragazzi, la protezione si paga”.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share