Blitz del Movimento 5 Stelle alla Centrale del Garigliano

Blitz del Movimento 5 Stelle alla Centrale del Garigliano

Centrale Nucleare del Garigliano

Centrale Nucleare del Garigliano

Un blitz in piena regola quello del Movimento 5 Stelle, che in mattinata sta svolgendo un sopralluogo non annunciato alla Centrale Nucleare del Garigliano. Una visita “a sorpresa” da parte di deputati e senatori aderenti al gruppo politico di Beppe Grillo sul quale ancora non si conoscono le motivazioni. Tra i presenti figurano i parlamentari Iannuzzi, Vacciano e Romano, affiancati dal referente locale Paolo Costa.

Probabile che lo scopo della visita sia dovuto alle recenti trivellazioni svolte all’interno dell’area dell’impianto nucleare. Carotaggi per stabilire se vi siano forme di inquinamento.

I risultati saranno resi noti dal Centro interforze studi ed applicazioni militari (Cisam) di Pisa, chiamato a valutare le “carote” dopo lo studio preliminare sul campo. Un lavoro che richiede circa un mese di attività, al termine del quale dovrebbe essere inviata una relazione conclusiva a Giuliana Giuliano, il sostituto Procuratore della Repubblica responsabile dell’inchiesta sull’impianto atomico sessano. Fino a questo momento, secondo le informazioni trapelate, non dovrebbero esistere preoccupazioni rilevanti per la popolazione, sebbene il clima d’allarme persista nei residenti. Gli esiti dei primi accertamenti, condotti su campioni d’acqua e di terra prelevati nel primo “blitz” del novembre 2012, non avrebbero rilevato grosse forme di inquinamento e, dai test preliminari sul campo, anche le “carote” estratte lunedì sarebbero esenti da tracce di raggi gamma, pericolosi per la salute umana.

Sul caso ha recentemente scritto un’interpellanza il senatore del Pd Claudio Moscardelli al Presidente del Consiglio e ai Ministri dell’Ambiente e dell’Interno.
Giuseppe Mallozzi

Fonte: Corriere di Latina

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share