• Home »
  • Politica »
  • I cittadini puliscono le spiagge, Lepone: “Un modo per riappropriarsi del territorio”
I cittadini puliscono le spiagge, Lepone: “Un modo per riappropriarsi del territorio”

I cittadini puliscono le spiagge, Lepone: “Un modo per riappropriarsi del territorio”

Roberto Lepone

Roberto Lepone

Ho accolto con favore ed entusiasmo la proposta delle associazioni presenti sul territorio di effettuare la “pulizia della spiaggia e la raccolta differenziata da parte della cittadinanza”, che avrà inizio domenica 9 marzo. Si tratta di un’iniziativa tendente a sviluppare un diverso senso di appartenenza del cittadino al proprio ambiente per tutelarlo, conservarlo e viverlo in tutte le sue dimensioni, sociali, culturali, estetiche e relazionali. L’idea che ho colto nelle diverse proposte che mi sono pervenute dal mondo associativo, nell’arco di questi ultimi mesi, sono tutte collegate da un identico file ruge, che vede nell’iniziativa del cittadino il desiderio di riappropriarsi di spazi attivi di partecipazione, di cura del proprio territorio e di fruibilità sana dell’ambiente in cui vive.

Le iniziative di cui abbiamo parlato stamane, nel corso di una riunione tenutasi in Comune, con alcune associazioni, si inseriscono in un percorso più ampio, che vuole il coinvolgimento delle comunità locali nel solco di un cammino che si svolge nell’ambito di una comunità più grande, internazionale. Let’s Do it Mediterranean! è la campagna europea di sensibilizzazione «Puliamo il Mediterraneo», il progetto di pulizia delle coste del Mediterraneo.

Obiettivo principale della Campagna e’ bloccare le dinamiche di inquinamento del Mar Mediterraneo. Punto fermo della campagna e’ coinvolgere direttamente i cittadini e seguendo un percorso di 5 anni garantire la sorveglianza e la pulizia costante delle acque e delle coste del Mediterraneo.

Principali azioni che la campagna si propone:
1. Mappare la situazione dei siti e valutare le situazioni più gravi.
2. Creare una serie di eventi promozionali per creare i consorzi locali, rinforzarli e nel lungo periodo metterli in contatto con altri consorzi a livello nazionale, europeo e globale.
3.Realizzare una serie di eventi di preparazione che poi porteranno ad un evento simbolo che prevede il coinvolgimento di un milione di volontari in tutto il mondo. Data prevista per l’evento simbolo e’ il 10 – 11 Maggio 2014.
4. Creare un database legislativo/scientifico riguardante lo stato del Mar Mediterraneo per poi produrre raccomandazioni efficienti da proporre ad Organizzazioni Internazionali e Governi.
5. Realizzare forme di Partenariato Locale.

Nei prossimi giorni provvederemo ad informare tutti i cittadini delle iniziative in programma e dei prossimi appuntamenti.

E’ stato bello constatare l’entusiasmo e il senso di civile partecipazione delle persone che sono venute a sottopormi questa idea. Questa è l’idea di cittadinanza attiva per la quale ho sempre lottato e per la quale mi sono sempre speso. Sono certo che il loro entusiasmo sarà contagioso e saranno in tanti a partecipare. Non rimarrà un’iniziativa unica, spot, ma ne seguiranno altre. Dalla cura delle spiagge si passerà a quella dei giardini, dei parchi e delle aree verdi.

Desidero condividere questa frase che mi ha scritto una delle promotrici di questo progetto: “Il progetto e’ molto ampio e abbiamo bisogno di costituire una rete forte e duratura per garantirne la riuscita! Il Mediterraneo e’ il nostro Mare! Uniamoci per prendercene cura, da cittadini, da attivisti, da sognatori coscienti che un mondo migliore e’ il frutto delle nostre azioni quotidiane!”

L’assessore all’Ambiente
Roberto Lepone

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share