Torna la scrittrice scaurese Chiara Valerio con un nuovo romanzo edito da Einaudi

Torna la scrittrice scaurese Chiara Valerio con un nuovo romanzo edito da Einaudi

Chiara Valerio

Chiara Valerio

Per Alessio Medrano, la matematica è la lente attraverso cui leggere il mondo. Ha sempre in tasca una manciata di sassolini da contare, e sa riconoscere le costellazioni nei passi della gente. Alessio Medrano è un broker geniale e sentimentale, scommette sui fallimenti come fossero successi: “I soldi sono un’idea vecchia, bisogna investire sul tempo”. Ma il tempo a nostra disposizione è una variabile così prevedibile? Non si può non calcolare “l’evidenza che l’amore allunga la vita”.

La scrittrice Chiara Valerio torna con un nuovo romanzo, pubblicato da una casa editrice tra le più importanti d’Italia: Einaudi. Uscito proprio ieri in libreria, “Almanacco del giorno prima”, titolo della sua ultima fatica letteraria a quattro anni dal successo di “Spiaggia libera tutti” (Laterza), nel quale descriveva il sud della provincia di Latina e in particolare Minturno e Scauri, è un romanzo che ha la sfrontatezza di misurare i sentimenti e il talento di credere che siamo tutti immortali fino a prova contraria.

IL ROMANZO
Almanacco del giorno prima - Chiara ValerioAlessio Medrano da bambino costruiva tabelline con i sassi e controllava, da un anno all’altro, che dall’elenco del telefono non fosse scomparso nessuno. Oggi che ha trentacinque anni, della matematica ha fatto un mestiere e sta creando un fondo finanziario molto conveniente: compra, per poi rivendere, le polizze di clienti che non vogliono piú pagare la propria assicurazione sulla vita. O non possono. È un investimento sicuro: “Le persone si fidano di me perché dico una cosa che già sanno, e cioè che tutti muoiono”. Ma più che di morte, Alessio preferisce parlare del tempo che rimane. Solo che le vite non sono tutte uguali e non tutti i rischi possono essere previsti. Quando si trova a contrattare la polizza di Elena Invitti, nell’equazione compare l’incognita per eccellenza, l’amore. Ma “il tempo è fatto solo di tempo, lo spazio solo di spazio, l’amore solo di amore. Grandezze omogenee”. Chiara Valerio è capace di coniugare una profonda sensibilità letteraria e una percezione lucidissima dei meccanismi che regolano la contemporaneità. Con appassionata intelligenza, ha dato forma a un romanzo originale e sorprendente in cui “l’amore è una forma di strabismo e la memoria una strategia per il futuro”.

L’AUTRICE

Chiara Valerio

Chiara Valerio

Chiara Valerio è nata a Scauri nel 1978. Dopo aver conseguito una laurea in matematica, ha ottenuto un dottorato. Oggi vive e lavora a Roma. È redattore di Nuovi Argomenti e di Nazione Indiana Per nottetempo, casa editrice nella quale lavora, ha scritto “Nessuna scuola mi consola” e “La gioia piccola d’esser quasi salvi” (2009). Ha pubblicato il romanzo “Ognuno sta solo” (2007), e i racconti di “Fermati un minuto a salutare” (2006) e di “A complicare le cose” (2003), con il quale ha vinto il Premio Carver. Scrive per l’Unità, Vanity Fair e il Sole 24Ore, collabora con Radio3.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share