Mega antenna, la richiesta di un consiglio comunale urgente

Mega antenna, la richiesta di un consiglio comunale urgente

Antenne

Antenne

Convocazione urgente del consiglio comunale e della commissione igiene, ambiente e sanità. Si mobilitano i politici con le richieste per discutere nel più breve tempo possibile dell’installazione della mega antenna di 36 metri a Scauri, alle spalle del campo sportivo “Pirae”, a pochi passi dal lungomare. E finalmente anche dalla maggioranza rompono il silenzio. A farlo è il consigliere Americo Zasa, attualmente indipendente, che chiede la convocazione di un consiglio comunale: “Suggerisco di rimanere chiusi in consiglio finché non si trovi una soluzione al problema in maniera definitiva, ovvero non installando l’antenna in quel posto ma in un altro più sicuro per vari motivi: innanzitutto per la tutela della salute dei residenti e di tutta la cittadinanza, e poi per i nostri turisti a causa dello sfregio paesaggistico”.

Zasa convocherà a breve anche la commissione igiene, ambiente e sanità, di cui è presidente, per fare il punto della situazione e giungere quanto prima alla redazione del piano antenne, ormai fermo da oltre un anno, dopo l’approvazione del regolamento avvenuta al consiglio comunale di gennaio 2013.

Intanto, il neo assessore all’ambiente Luca Salvatore si è già messo al lavoro per trovare una scappatoia. Allo scopo, nella giornata di oggi avrà un incontro con l’avvocato Massimo Giovanchelli, direttore amministrativo dell’Arpa Lazio. “Occorre presto il piano attuativo che, comunque, leggendo varie sentenze, non può essere troppo restrittivo – dichiara l’assessore – Purtroppo le antenne sono equiparate ad opere di urbanizzazione primaria, il che deroga già a molte norme. Poi la normativa per l’individuazione delle aree è controversa e le compagnie telefoniche potrebbero fare ricorso al piano stesso”.

Anche dall’opposizione si fanno sentire. Il capogruppo di Minturno Cambia, Gerardo Stefanelli, chiede di convocare al più presto le commissioni competenti “per capire lo stato dei ricorsi legali sull’antenna di via Fusco, ma anche per verificare quante altre richieste realmente giacciono presso gli uffici comunali”.

“E’ necessario – continua l’esponente dell’opposizione – dare una direttiva chiara e precisa agli uffici comunali affinché non si ripeta mai più che un’opera di tale impatto sia sconosciuta agli amministratori. Mi auguro che i colleghi presidenti di commissione e i componenti della giunta vogliano relazionare alle forze consiliari, altrimenti chiederemo un consiglio comunale come minoranza, anche se spero di non arrivare a questo. Con molta serenità ma con altrettanta determinazione il Comune deve cercare di percorrere tutte le strade possibili per scongiurare questa ipotesi. Al contempo – conclude Stefanelli – quello che si sta verificando è un ulteriore monito per un’azione amministrativa più attenta e costante sui problemi di interesse collettivo”.
Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share