• Home »
  • Politica »
  • Ex LSU, l’amministrazione incarica un nuovo legale e delibera l’erogazione degli stipendi di marzo
Ex LSU, l’amministrazione incarica un nuovo legale e delibera l’erogazione degli stipendi di marzo

Ex LSU, l’amministrazione incarica un nuovo legale e delibera l’erogazione degli stipendi di marzo

Gli ex LSU al consiglio comunale

Gli ex LSU al consiglio comunale

L’amministrazione comunale sta cercando in tutti i modi di evitare, come diversamente avvenuto già in altri Comuni del Lazio, il licenziamento dei 35 dipendenti stabilizzati ex LSU. Allo stato attuale nulla è cambiato in merito a questa delicata situazione e si attende ancora l’iter del decreto ingiuntivo emesso dal Tribunale di Roma nei confronti della Regione Lazio, al quale quest’ultima si è opposta. Dopo aver avuto recentemente degli incontri con specialisti del lavoro per valutare quali strategie adottare, la giunta, con la delibera 52/2014 (disponibile alla fine dell’articolo), ha deciso di conferire incarico legale all’Avv. Nicola Parisio di Benevento, “allo scopo – si legge nel documento amministrativo – di assistere il Comune di Minturno nella delicata situazione dei 35 ex LSU in servizio presso l’Ente, stabilizzati mediante convenzioni stipulate con la Regione Lazio negli anni 2010-2011”. L’incarico comporterà un impegno di spesa per un importo complessivo di 4.680 euro.

Si aggiunge, dunque, un nuovo professionista sulla delicata questione degli ex lavoratori socialmente utili. In precedenza, infatti, è stato nominato l’Avv. Maurizio Miele, un incarico dal costo, in via presuntiva, di 6.500 euro, oltre le spese non imponibili ove necessarie, Cpa e Iva, salvo rideterminazione del compenso in caso di estensione di mandato a tutela del Comune in ordine ai rapporti di lavoro degli ex LSU. Il legale si è occupato del decreto ingiuntivo contro la Regione Lazio per ottenere il recupero del milione e 200mila euro ancora non versato in merito alla stabilizzazione dei 35 ex LSU.

Un’altra delibera, la 54/2014 (disponibile alla fine dell’articolo), ha per oggetto, invece, le “Direttive per l’erogazione degli stipendi per il mese di Marzo 2014”. Non essendo cambiato ancora nulla in merito alla situazione dei dipendenti comunali stabilizzati, l’amministrazione ha deciso lo stesso che “occorre procedere con le stesse modalità operative anche per il mese di marzo, ai fini della predisposizione, dell’istruzione dei procedimenti e dell’attivazione delle operazioni contabili correlate all’elaborazione degli stipendi, alla stampa dei mandati di pagamento e delle buste paga, quali attività propedeutiche al pagamento delle retribuzioni a tutto il personale dipendente in servizio attivo”.

La giunta delibera, inoltre, di “mantenere ferma la situazione attuale riguardante i 35 dipendenti comunali ex LSU – LPU, in attesa delle direttive annunciate con la menzionata nota pervenuta dalla Regione Lazio in merito alla novazione delle citate convenzioni finalizzate alla riapertura del bacino LSU”.

Una questione come già detto molto delicata, anzi drammatica perché perderebbero il lavoro 35 persone con alle spalle le proprie famiglie. Lo stesso sindaco Paolo Graziano non ha nascosto la sua preoccupazione, in quanto se dalla Regione Lazio non si smuoverà la situazione al più presto “bisognerà prendere provvedimenti dolorosi”. Il Comune non può continuare ad erogare ulteriormente gli stipendi, pena il danno erariale.
Giuseppe Mallozzi

DOWNLOAD: Delibera GC 52-2014
Delibera GC 54-2014

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share