Presentata la bozza dello statuto del Comitato “No Ant”

Presentata la bozza dello statuto del Comitato “No Ant”

logo no antIl Comitato cittadino “No Ant” del Comune di Minturno ha il suo statuto. È stata presentata ieri sera la bozza del documento, durante la terza riunione tenutasi presso il Circolo Anziani di Scauri. Lo statuto sarà aperto ancora per qualche giorno a note, commenti e suggerimenti prima di essere registrato. “Questo al fine di realizzare uno statuto idoneo a questo comitato aperto a tutti i cittadini con scopi più ampi oltre al problema antenne”, spiega Roberto Tartaglia, presidente di ‘Fuori La Voce’, tra gli aderenti al comitato.

È stata fissata per venerdì prossima la prossima assemblea, durante la quale sarà approvata la stesura definitiva dello statuto e seguiranno le elezioni delle cariche e l’individuazione delle prime azioni da svolgere. Si passa quindi dalle parole ai fatti, con tanto di riconoscimento giuridico del nuovo soggetto associativo.

Un lungo elenco di finalità è contenuto nell’articolo 5 dello statuto. “L’attività del Comitato – si legge nel documento – è ispirata ai principi di tutela e valorizzazione dell’ambiente e del territorio nell’ottica di fornire alla Amministrazioni Comunale e alla collettività tutta uno strumento funzionale ad una politica basata su principi di sviluppo sostenibile. Nello specifico il Comitato intende: promuovere e valutare politiche e programmi in campo ambientale circa le singole iniziative che vengono proposte sul territorio; promuovere la valorizzazione e la difesa del territorio e dell’ambiente; sviluppare azioni di tutela del paesaggio, del suolo e del patrimonio naturale; coordinare progetti urbanistici infrastrutturali, intermodali, viabilistici e una politica dei trasporti locali in un’ottica di uno sviluppo sostenibile del territorio, di salvaguardia del paesaggio e limiti il consumo di suolo; di esprimere pareri e/o predisporre studi/relazioni su progetti di carattere territoriale/ambientale di valenza comunale che l’ente intendono programmare; di essere luogo di confronto per favorire la collaborazione fra Enti, Istituzioni e Associazioni, riconosciute e non e presenti sul territorio, al fine di sviluppare una sensibilità ambientale e comprendere i valori dell’ambiente, come bene comune da proteggere e difendere; collaborare con tutte le forze politiche, culturali, sociali ed economiche,esistenti ed operanti sul territorio; di svolgere funzione di interlocutore per conto della collettività con le istituzioni favorendo la manifestazione diretta delle istanze e degli interessi della stessa; individuare ed incentivare, sempre nel rispetto e salvaguardia dell’ ambiente e della salute dei cittadini, iniziative idonee alla valorizzazione delle risorse attuali e potenziali del territorio; promuovere la reale e concreta partecipazione dei cittadini al governo del territorio e dell’ambiente, organizzando incontri, convegni e dibattiti; di istituire Gruppi/Commissioni di lavoro (Tavoli Tecnici) su tematiche di particolare rilevanza territoriale/ambientale”.

Il Comitato si rifà agli ideali dell’Agenda 21, ovvero il “documento di intenti ed obiettivi programmatici su ambiente, economia e società sottoscritto da oltre 170 paesi di tutto il mondo, durante la Conferenza delle Nazioni Unite su Ambiente e Sviluppo (UNCED) svoltasi a Rio de Janeiro nel giugno 1992”.

Infine, è stato anche approvato il logo ufficiale del comitato, elaborato dal grafico Giovanni Caruso.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share