• Home »
  • Cronaca »
  • Rimborsi d’oro alla Regione Lazio, chiesto il rinvio a giudizio di Romolo Del Balzo e Stefano Galetto
Rimborsi d’oro alla Regione Lazio, chiesto il rinvio a giudizio di Romolo Del Balzo e Stefano Galetto

Rimborsi d’oro alla Regione Lazio, chiesto il rinvio a giudizio di Romolo Del Balzo e Stefano Galetto

Il consigliere regionale Romolo Del Balzo

Il consigliere regionale Romolo Del Balzo

Fatture gonfiate, folli spese personali. Sono a un passo dal banco i quattro ex consiglieri del Pdl Lazio, e altrettanti titolari di società che avrebbero ricevuto finanziamenti non dovuti, tutti quanti accusati, a seconda delle posizioni, di truffa e di peculato. Il pm Alberto Pioletti e il procuratore aggiunto Francesco Caporale, già titolari dell’inchiesta sul “Batman di Anagni” Franco Fiorito, condannato a 3 anni e 4 mesi per essersi intascato fondi pubblici, hanno firmato una richiesta di rinvio a giudizio che avvicina al processo Romolo Del Balzo, Stefano Galetto, Lidia Nobili, Carlo De Romanis, consiglieri pidiellini ai tempi della giunta guidata da Renata Polverini.

Per quanto riguarda gli ex consiglieri pontini, Romolo Del Balzo sarebbe riuscito ad accaparrarsi illecitamente quasi 40mila euro, presentando “generiche richieste di rimborso per spese anticipate e in realtà false, perché di valore notevolmente inferiore alla documentazione contabile prodotta”.

Stefano Galetto, invece, tra febbraio 2010 e luglio 2012, avrebbe ottenuto finanziamenti per una sua associazione, l’Unione Rugby Pontina, guadagnandosi l’accusa di peculato insieme a Mauro Borrelli e a Renato Salvati, rappresentante legale della società. Secondo gli inquirenti, Galetto avrebbe ottenuto circa 90 mila euro, e li avrebbe girati dal conto corrente intestato al gruppo consiliare Popolo della Libertà al conto dell’associazione sportiva.

E’ un’accusa di truffa aggravata e continuata quella che pende invece sulle spalle di Lidia Nobili, attuale consigliere comunale a Rieti e preside del liceo Classico. Avrebbe ottenuto 139mila euro di rimborsi per la società ”Lallaria srl” di Paolo Campanelli, anche lui a rischio processo. Ora, davanti al gip Rosalba Monaco, che deciderà sul rinvio a giudizio, la Nobili dovrà giustificare ben “nove fatture risultate in parte false”. La maggior parte dei rimborsi richiesti dalla ex consigliera riguardava una serie di viaggi condotti tra Roma e Rieti, per partecipare all’evento ”La Regione incontra Rieti”. Quegli incontri, però, sarebbero costati solo 85.556 euro. In tutti gli altri casi, come scrivono i pm, la Nobili “aveva intrattenuto rapporti commerciali con titolari di imprese a cui aveva chiesto di emettere fatture intestandole fittiziamente a Lallaria”. Secondo i magistrati, inoltre, “nella maggior parte dei casi con la causale ‘la Regione incontra Rieti’ la pidiellina avrebbe giustificato eventi per pubblicizzare la sua candidatura alle comunali nel reatino”.

E’ meno grave la posizione di Carlo De Romanis, che deve rispondere solo di truffa: avrebbe finanziato con contributi del Pdl i ”Giovani del Ppe”, ma, come scrivono gli inquirenti, «a fronte di spese dichiarate per 98 mila euro ha prodotto documentazione contabile giustificativa per soli 24 mila euro». Il pidiellino avrebbe avanzato due richieste di finanziamento: una, da 39 mila euro, saldata con tre bonifici intestati ai ”Giovani del Ppe”; l’altra, soddisfatta invece con un bonifico da 15 mila euro, recante la stessa causale e lo stesso destinatario. Insieme a De Romanis rischia il processo anche Emanuele Occhipinti, rappresentante legale dell’associazione.

Per tutti gli altri politici inizialmente coinvolti nell’inchiesta, compresi Andrea Bernaudo, Franco Battistoni e Veronica Cappellaro, la procura ha avanzato richiesta di archiviazione.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share