• Home »
  • Cronaca »
  • Ai domiciliari il 40enne che minacciò di far saltare in aria il suo palazzo. Per il tribunale fu tentato suicidio
Ai domiciliari il 40enne che minacciò di far saltare in aria il suo palazzo. Per il tribunale fu tentato suicidio

Ai domiciliari il 40enne che minacciò di far saltare in aria il suo palazzo. Per il tribunale fu tentato suicidio

Il Tribunale di Cassino

Il Tribunale di Cassino

Stava tentando di togliersi la vita, non di far saltare in aria il palazzo e altre due palazzine vicine dove vivono anche altre 18 famiglie nei pressi della stazione ferroviaria di Minturno-Scauri. Il giudice Massimo Capurso, a latere Lo Mastro e Del Pizzo, del Tribunale Collegiale di Cassino, ha accolto le richieste degli avvocati Pasquale Cardillo Cupo e Andrea Sparagna, rimettendo agli arresti domiciliari, per i soli reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, Mario D’Antonio, il 40enne protagonista della vicenda avvenuta lo scorso 15 dicembre. Per quell’episodio, come si ricorderà, il sindaco Paolo Graziano ha consegnato un encomio ai tre agenti intervenuti. I difensori hanno dimostrato che D’Antonio non voleva fare alcun male agli altri abitanti del palazzo di Scauri, ma si è trattato di un tentativo di suicidio. A suffragio di quanto asserito dai legali la telefonata alla centrale operativa della Polizia di Stato e varie deposizioni testimoniali, che non configurano il reato di tentato omicidio. Il processo riprenderà il prossimo 13 maggio.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share