• Home »
  • Cronaca »
  • Prodotti ittici di dubbia provenienza, sanzionato un venditore ambulante di Minturno
Prodotti ittici di dubbia provenienza, sanzionato un venditore ambulante di Minturno

Prodotti ittici di dubbia provenienza, sanzionato un venditore ambulante di Minturno

Il pescato sequestrato

Il pescato sequestrato

E’ residente a Minturno il venditore ambulante che questa mattina è stato sorpreso a Vindicio con prodotti ittici di dubbia provenienza. L’uomo, di origini canadesi, teneva il materiale all’interno del bagagliaio della propria autovettura. Si tratta del primo intervento dell’operazione “Pasqua 2014”, che vede il coinvolgimento dei carabinieri della Compagnia di Formia e i militari del Comando della Guardia Costiera, coordinati rispettivamente dal Capitano Giovanni De Nuzzo e dal Luogotenente Antonio Corrado, Comandante della Guardia Costiera e del Porto di Formia. L’operazione, lanciata e ideata dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, è tesa alla tutela dei consumatori, in materia di etichettatura, tracciabilità, commercializzazione di prodotti ittici e frodi in commercio. Il venditore è stato sorpreso a trasportare prodotti ittici, privi di qualsiasi documento attestante la provenienza del pescato, così come previsto dalle normative nazionali e comunitarie. Come già detto, si tratta di un cittadino di origine canadese, venditore ambulante, residente a Minturno. Il pescato è stato rinvenuto all’interno del bagagliaio della propria autovettura. È stata quindi elevata una sanzione amministrativa per un importo pari a 1.500 euro, mentre sono stati posti sotto sequestro amministrativo tre cassette di argentine per un peso di circa 6 chili; due cassette di Gronghi per un peso di circa 6 chili; due cassette di frittura mista composta da fragolini, suaci e aguglie per un pero totale di 10 chili, per un ammontare di prodotto ittico sequestrato pari a 22 chili. È stato informato il servizio veterinario dell’Asl di Latina – Distretto Formia – Gaeta, che, dopo aver esaminato i prodotti ittici, considerata la dubbia provenienza, ha disposto la loro distruzione a carico del trasgressore per mezzo di una ditta specializzata secondo la normativa vigente.
Giuseppe Mallozzi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share