• Home »
  • Politica »
  • No alla chiusura del Tribunale di Gaeta, l’assemblea pubblica di Sel Minturno
No alla chiusura del Tribunale di Gaeta, l’assemblea pubblica di Sel Minturno

No alla chiusura del Tribunale di Gaeta, l’assemblea pubblica di Sel Minturno

Un momento dell'assemblea pubblica di Sel (foto di Francesco Angelo Salis)

Un momento dell'assemblea pubblica di Sel (foto di Francesco Angelo Salis)

Ha avuto luogo ieri pomeriggio presso l’Hotel Villa Eleonora di Scauri l’assemblea pubblica “No alla chiusura del Tribunale di Gaeta” promossa dal Circolo di Sinistra Ecologia e Liberta’ di Minturno “Antonio Gramsci”.

A meno di due settimane dalla sua ufficializzazione, Sel Minturno ha deciso di organizzare quest’iniziativa ritenendo prioritario nel nostro territorio porre l’accento politico sul tema della legalita’, in un contesto critico dal punto di vista occupazionale e delle infiltrazioni malavitose come quello del sud pontino.

All’incontro hanno partecipato oltre al Coordinatore Giuseppe D’Acunto e il responsabile del forum Legalità e Giustizia del Circolo Mario De Canditiis, il Segretario Generale SILP-CGIL Lazio Cosmo Bianchini e Carlo Leoni della Presidenza Nazionale di SEL. Dal dibattito è emerso quanto segue.

Il Tribunale di Gaeta ha competenza territoriale sui comuni del Golfo, delle isole e dei comuni dell’entroterra del sud pontino, per numero di abitanti si tratta della più importante realtà giudiziaria dopo quella romana, sopprimerlo significherebbe negare un diritto costituzionalmente sancito come l’accesso alla giustizia ai cittadini che risiedono ai confini della provincia costringendoli a spostamenti lunghi e difficoltosi per raggiungere il capoluogo.

Inoltre come dimostra chiaramente uno studio ministeriale, in una specifica relazione corposa e dettagliata, la sezione distaccata di Gaeta ha tutti i numeri per non essere soppressa, in quanto risulta tra le prime 25 sezioni per indice di litigiosità (rapporto tra residenti e sopravvenienze).

Infine, a nostro avviso, è paradossale parlare di efficienza e di riduzione dei costi sopprimendo un ufficio giudiziario come quello di Gaeta di recente costruzione, perfettamente funzionante e produttivo, mentre a Latina gli uffici giudicanti, requirenti, tributari, TAR e Giudice di Pace essendo ubicati in vari punti della città presentano svantaggi notevoli dal punto di vista logistico ed economico.

Nel ringraziare le forze politiche presenti, deprechiamo l’assenza delle istituzioni, seppur invitate, vista l’importanza del tema e considerando il diverso atteggiamento di analoghe istituzioni in analoghe situazioni come ad esempio Cassino o Lamezia Terme.

Sono state comunque portate all’attenzione del Ministro della Giustizia e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, circa 1800 firme raccolte attraverso la petizione popolare dal Circolo Sel di Minturno in appena due settimane.

In conclusione riteniamo indispensabile che gli Uffici periferici siano potenziati in risorse materiali e di personale, auspicando l’istituzione di un Tribunale comprensoriale a Gaeta in alternativa alla chiusura della Sezione Distaccata. Solo garantendo l’accesso alla giustizia per tutti i cittadini possiamo ridare speranza e futuro al nostro territorio.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share