• Home »
  • Attualità »
  • Il mare del golfo è pulito, l’esito della riunione tra Provincia, Asl, Arpa e Guardia costiera
Il mare del golfo è pulito, l’esito della riunione tra Provincia, Asl, Arpa e Guardia costiera

Il mare del golfo è pulito, l’esito della riunione tra Provincia, Asl, Arpa e Guardia costiera

Uno scorcio di Monte d'Oro a Scauri

Uno scorcio di Monte d'Oro a Scauri

Il mare è pulito. E’ quanto emerge dal tavolo organizzato ieri mattina dall’assessore provinciale all’ambiente Gerardo Stefanelli a cui hanno preso parte il Comune di Formia, assessore Vittorio Pecorino, il comandante della Guardia Costiera, Marco Vigliotti, Asl e Arpa Lazio. Le analisi effettuate nell’ultima settimana, infatti, a quanto emerge hanno dato un esito positivo confermando la buona qualità delle acque.

Sull’origine delle scie bianche presenti dalla spiaggia dell’Ariana e fino a quella di Gianola, e su cui si è alzato l’allarme di imprenditori balneari e bagnanti, invece, si tratterebbe di una fioritura algale favorita dal caldo dell’ultima settimana. Ipotesi realistica e che riporta, come ogni inizio estate, le questioni irrisolte sollevate dalla Commissione Ardizzone nel lontano 2004 ovvero la presenza in mare di quantità di azoto e fosforo che le acque del golfo tuttora non riescono compiutamente a smaltire.

Quei nutritivi che servono ad alimentare e tenere sani i pesci degli impianti ittici e che, contemporaneamente, vanno a nutrire le alghe favorendone la fioritura. Negli anni hanno sicuramente contribuito a un miglioramento i nuovi allacci che hanno diminuito gli sversamenti ma resta ancora aperta la questione dei depuratori che avrebbero dovuto favorire l’abbattimento proprio di azoto e fosforo così come sott’occhio va sempre tenuta la condotta sottomarina che, di fatto, continua a scaricare, sì lontano dalla costa ma sempre all’interno del Golfo, in un tratto di mare, quindi, in cui non c’è quel ricambio d’acqua continua che servirebbe.

E se anche le analisi in quel tratto indicano valori positivi e condizioni del mare ottime, senza dubbio di più sarebbe possibile fare per garantire un’ancora migliore balneabilità. Senza contare che nelle ultime settimane chi ha puntato il dito sul golfo è stato il Comune di Sessa Aurunca che ha chiesto lumi proprio sulla condotta sottomarina.

Così come i comuni della costa laziale da sempre chiedono un maggiore controllo sugli scarichi nel Garigliano anche quelli, quando non bonificati, ricchi di prodotti proteici, quando va bene, che favoriscono proprio la fioritura algale.

Fonte: Latina Oggi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share