• Home »
  • Politica »
  • Graziano: “Litorale senza cemento”. Il sindaco contrario alla realizzazione del porto a Scauri
Graziano: “Litorale senza cemento”. Il sindaco contrario alla realizzazione del porto a Scauri

Graziano: “Litorale senza cemento”. Il sindaco contrario alla realizzazione del porto a Scauri

Scauri vista da Monte d'Oro

Scauri vista da Monte d'Oro

Il mega porto di Scauri, inserito nel Pua approvato dall’ex commissario straordinario del comune di Minturno, Vincenzo Greco, non trova d’accordo nemmeno il Governo cittadino. Dopo la presa di posizione dell’ex sindaco Pino Sardelli (il primo a denunciare la questione) e quella di Sel, Verdi e Pd, ieri anche il sindaco Paolo Graziano ha espresso la sua contrarietà ad un piano che «devasterebbe un’area che è protetta da una serie di vincoli e che ha già una sua conformazione consolidata.

Di questo progetto – ha detto il primo cittadino – non ne sapevo nulla sino a qualche giorno fa. Poi andando a controllare il Pua ho notato questa situazione nei confronti della quale non sono d’accordo. E a tal proposito, come amministrazione, presenteremo le nostre osservazioni, al pari di altre associazioni ed enti. Sono estraneo a queste tipo di cementificazione, dietro la quale non so chi ci sia. Ha dei costi altissimi ed andrebbe a devastare una zona che ha già una sua dimensione.

E poi con un mega porto di questa grandezza, che parcheggio di auto bisognerebbe avere a disposizione? Con tutto il rispetto per il commissario straordinario non so chi abbia dato queste disposizioni, ma è certo che noi ci opporremo. Tra l’altro, storicamente, sono dell’idea che un eventuale porto vada fatto sul Garigliano, dove ci sono tutte le condizioni per realizzarlo. Al limite quello che c’è a Scauri attualmente va risistemato, ma quella costruzione cementizia prospettata e contenuta nel Pua non è assolutamente condivisibile».

Dunque si amplia il fronte del no verso una struttura che non piace a gran parte degli amministratori. Ieri il Sel, i Verdi e il Pd, avevano espresso la loro contrarietà annunciando la presentazione delle osservazioni previste dalle norme vigenti. E l’argomento potrebbe essere oggetto del consiglio comunale odierno, convocato per le 19, nel corso del quale saranno nominate le varie commissioni consiliari.

Fonte: Latina Oggi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share