Rifiuti, Stefanelli lancia cinque proposte per migliorare il servizio

Rifiuti, Stefanelli lancia cinque proposte per migliorare il servizio

Gerardo Stefanelli

Gerardo Stefanelli

“Non ci possiamo prendere il lusso di aspettare che venga aggiudicata la gestione definitiva del servizio come se questa fosse la soluzione ai nostri mali. La raccolta differenziata non è infatti un semplice procedimento amministrativo ma una rivoluzione culturale, che non si risolve con le carte ma con una partecipazione convinta dei cittadini, che, ad oggi diciamolo francamente, non c’è ancora stata. Finalmente è stata aperta l’isola ecologica di Recillo ma tutto ciò è insufficiente per avere un miglioramento nel servizio di raccolta differenziata”. Lo dichiara il consigliere comunale del Partito Democratico di Minturno, Gerardo Stefanelli, che lancia una proposta di collaborazione al sindaco Graziano sul tema dei rifiuti.

“In un’ottica costruttiva – prosegue l’esponente del centrosinistra – ci sentiamo di dare alcuni consigli pratici all’Amministrazione comunale e all’Assessore Luca Salvatore per mettere in campo delle vere e incisive politiche sulla gestione dei rifiuti, che possano penetrare nella cittadinanza e prepararla ad essere protagonista del salto di qualità che una moderna raccolta differenziata richiede. Sarebbe opportuno, infatti, utilizzare nel migliore dei modi questo lasso di tempo (sicuramente almeno un anno) che ci separa dall’affidamento definitivo del servizio di raccolta.

Al riguardo le nostre proposte all’Amministrazione sono di immediata realizzazione:

1) porre in essere una seria, professionale e capillare campagna di educazione e sensibilizzazione alla raccolta differenziata coinvolgendo soprattutto quelle associazioni che hanno aderenza su specifiche parti di territorio e farsi aiutare a spiegare, faccia a faccia, alla gente come si fa materialmente la raccolta differenziata e perché conviene farla. BISOGNA RENDERE FERTILE IL TERRENO PER TEMPO PREPARANDO LA CITTADINANZA.

2) applicare la raccolta differenziata dei rifiuti all’interno degli uffici pubblici presenti sul territorio comunale, partendo dalla casa comunale e passando per gli edifici scolastici dove immediatamente devono essere forniti i contenitori per la differenziare almeno carta e plastica: il minimo sindacale. OCCORRE DARE L’ESEMPIO PER ESSERE AUTOREVOLI.

3) pianificare immediatamente un servizio diverso per gli stabilimenti balneari e per le attività di ristorazione: dove diverso non significa passare a ritirare i bustoni neri sul marciapiede ad un orario differente da quello che si utilizza per i cassonetti. Un servizio diverso significa pretendere dalle attività di avviare un impegno a fare la differenziata spinta nelle proprie attività ed organizzarsi per supportarle sia strumentalmente sia economicamente. LEGARE GLI SCONTI SULLA BOLLETTA ALLA QUALITÀ E QUANTITÀ DELLA DIFFERENZIATA.

4) avviare immediatamente una sperimentazione del porta a porta nelle frazioni collinari come Tremensuoli, Santa Maria e Pulcherini per verificare quotidianamente i possibili inconvenienti tecnici che potranno insorgere quando passeremo al porta a porta integrale. Questo potrebbe essere fatto senza aumentare i costi dell’attuale affidamento. Come? Utilizzando i fondi stanziati in Provincia per l’isola ecologica mai realizzata, convertendoli per acquisire mezzi e strumenti necessari ad implementare da subito il porta a porta in queste zone che hanno una particolare e favorevole conformazione urbanistica. Siamo disponibili ad accompagnare per mano l’Assessore o il Sindaco negli uffici provinciali per capire come fare. SPERIMENTARE E’ UN OTTIMO MODO PER PREPARARSI AL CAMBIAMENTO.

5) acquistare, sempre con i fondi della Provincia di Latina, ed installare due casette dell’acqua nelle zone più popolose per poter diminuire il consumo e lo smaltimento di plastiche. INCOMINCIAMO ANCHE A RIDURRE I QUANTITATIVI DI RIFIUTI PRODOTTI.

Questa, credo, sia la migliore risposta per verificare la sincerità delle aperture politiche che il Sindaco Graziano ha fatto alle opposizioni. Cinque azioni concrete per poter veramente segnare un’inversione di tendenza nella gestione dei rifiuti.

È innegabile che ci sia stato un miglioramento rispetto al recente passato ma non dimentichiamoci che il servizio costa 90mila euro in più rispetto a quello del 2012, 50mila euro in più rispetto al 2013. Certo questi soldi in più sono lo scotto che paghiamo per un servizio affidato per un arco temporale molto breve che incide in maniera negativa sui costi. Vero è che la ditta sta svolgendo un servizio con professionalità sicuramente maggiore rispetto al passato, ma resta il serio problema che questi costi in più sono scaricati completamente sui cittadini per mezzo delle bollette.

Abbiamo fatto un calcolo: le decisioni di Graziano ci sono costate un milione di euro in più l’anno, circa il 25% del totale del costo del servizio. Bisogna cominciare dall’ottimizzazione di questi numeri per raggiungere risultati d’eccellenza nel campo della raccolta della differenziata. Noi siamo pronti a fare la nostra parte, l’Amministrazione?”

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share