Eduardo a Minturno, cinque spettacoli sotto le stelle

Eduardo a Minturno, cinque spettacoli sotto le stelle

Eduardo De Filippo

Eduardo De Filippo

LA COMPAGNIA LUNA NOVA DI LATINA, IL COMUNE E LA PRO LOCO DI MINTURNO PRESENTANO:
EDUARDO… A MINTURNO, 5 SPETTACOLI SOTTO LE STELLE.

8 LUGLIO
Compagnia Luna Nova di Latina in:

“Questi fantasmi”
Pasquale Loiacono è un opportunista senza scrupoli o un’anima candida? Riconosce nel generoso fantasma che lo mantiene l’amante della moglie Maria, o crede davvero che sia uno dei tanti spiriti che, si dice, infestino l’appartamento dove è andato ad abitare? Nemmeno alla fine, dopo aver ricevuto la visita di un’intera “famiglia di fantasmi” e ottenuto dal suo benefattore un ultimo generoso regalo, Pasquale palesa la sua vera natura: all’onnipresente dirimpettaio che, maliziosamente, insinua che forse, dopo la sparizione del fantasma benefico, altri ne verranno, egli risponde “Sotto altre sembianze?…è probabile…e speriamo!” Una tragedia moderna; così Eduardo ha definito questa commedia, tra le più comiche e amare del suo repertorio.

15 LUGLIO
Compagnia Il Tentativo di Fratta Maggiore (Na) in:

“Gli esami non finiscono mai”
E’ l’ultima delle commedie di Eduardo, il lungo racconto delle prove che Guglielmo Speranza deve superare dal momento della laurea fino alla morte. Vero e proprio tormentone di una intera esistenza è l’onnipresente Furio La Spina, falso amico, invidioso e “mettimale”. Il bilancio di Guglielmo non è lieto: matrimonio poco felice con Gigliola, da cui sono nati “i figli delle parole crociate”; una storia d’amore autentica con la profumiera alla quale deve rinunciare; e infine una vecchiaia forzatamente inoperosa, affrontata con la muta ironia di chi guarda ormai con distacco un mondo falso, nel mentre si avvia con divertito disincanto verso l’ultimo, definitivo esame.

21 LUGLIO
Compagnia Teatro Club di Torre del Greco (Na) in:

“Gennareniello”
E’ una commedia Di Eduardo De Filippo rappresentata per la prima volta nel 1932 e inserita dallo stesso autore nel gruppo di opere che ha chiamato “Cantata dei giorni pari”.
Sulla terrazza di uno stabile, dialogano Gennareniello e la giovane maestrina Anna. Gennareniello è sposato con Concetta, e vive col figlio Tommasino, ritardato e pieno di tic, e con la sorella zitella e pittrice. Si dedica ad invenzioni inutili e permette a Matteo, maestro di disegno, di non pagare la camera presa in affitto, in cambio di progetti tecnici delle sue invenzioni. Spinto dagli amici, Gennareniello corteggia Anna, ma viene sorpreso da Concetta: tra i due scoppia una lite, in seguito alla quale Gennareniello abbandona il letto coniugale. Gli amici lo dissuadono e al tempo stesso lo deridono, e lo “acchittano” da damerino. La moglie ne difende la dignità offesa, e lo riaccoglie in casa.

28 LUGLIO
Compagnia Luna Nova di Latina in:

“Filumena Marturano”
Domenico Soriano è furioso: Filumena Marturano, la donna che venticinque anni prima ha tolto dalla “casa di tolleranza”, ha finto di essere in punto di morte per farsi sposare, impedendogli così di unirsi in matrimonio con un’altra. Quando poi Filumena gli rivela di avere tre figli grandi e di volere per loro il suo cognome, Soriano, l’uomo si rivolge a un avvocato; e la legge gli dà ragione: quell’unione, estorta con l’inganno non è valida. Nemmeno la legge però può impedire a Filumena di far sapere ai propri figli chi è e da dove viene, e di rivelare a Domenico che uno dei tre è nato da lui. In preda a un’inquietudine nuova, l’uomo fa di tutto per scoprire quale sia suo figlio, ma… “E figlie so’ ffiglie! E so’ tutte eguale”.

5 AGOSTO
Compagnia Teatro Dei Dioscuri di Campagna (Sa) in:

“Sogno di una notte di mezza sbornia”
Sicuramente una delle opere meno note di Eduardo De Filippo, è una commedia divertente, giocata sui toni della superstizione, sulle espressioni più tipiche della napoletanità e il “Bancolotto” visto come speranza dei poveri per riscattarsi da una vita di miseria: il protagonista Pasquale riceve in regalo un busto di Dante Alighieri cheuna notte gli appare in sogno e gli dà i “numeri” per una quaterna. Il Sommo Poeta gli rivela anche la data della sua morte. Il povero Pasquale vince al lotto proprio come il sogno premonitore aveva previsto e quindi se la quaterna è uscita anche la seconda previsione potrebbe avverarsi. La morte annunciata diventa protagonista non presente sul palcoscenico e il povero Don Pasquale, oramai ricco, assiste alla felicità dei suoi “cari” che poco si preoccupano della sua futura morte.
Con Sogno di una notte di mezza sbornia, Eduardo rimane immutabile, portando in scena i vizi e le virtù della gente comune, le piccole sofferenze e le gioie immense.

ABBONAMENTO 5 SPETTACOLI 40 EURO
BIGLIETTO SINGOLO 10 EURO
ORE 21

TEL. 3476119188

I biglietti si trovano anche presso:
Consul Car snc – Marina di Minturno – Palazzo della Banca San Paolo-

tel. 0771/614776 – 339/7898513 (Marina)

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share