Una targa in onore del soldato americano a Tremensuoli

Una targa in onore del soldato americano a Tremensuoli

targaAll’incisione lasciata durante la Seconda Guerra Mondiale dal soldato americano M.A. Webb, che si trova su un muro di un’abitazione sita nella frazione di Tremensuoli, è stata dedicata una targa in lexan nella quale sono inserite la descrizione e foto del milite che ha combattuto durante l’ultimo conflitto. A realizzarla Mirco Mendico, giovane molto attivo a Minturno, responsabile del portale turistico MinturnoScauri.it e sensibile a tematiche riferite alla guerra, insieme ad un amico, Dario Pompeo, e alla proprietaria della casa Pamela Colacillo. La signora Colacillo racconta che ultimamente molti si recano per fotografare la scritta.

Una scritta che a distanza di 70 anni dal secondo conflitto mondiale ha visto svelata la sua storia grazie a un residente di Tremensuoli, Giovanni Carusotra i fondatori di Critical Mass che sta portando avanti la richiesta per l’istituzione di una pista ciclabile sul lungomare di Scauri.

La scritta in questione riportava “M.A. Webb, C-ville, Ky., 1944 March 30”, ovvero le iniziali del nome del soldato che ha fatto l’incisione, la data del giorno in cui ha lasciato la scritta e infine la sua città natale e lo Stato di appartenenza. Grazie al Centro di Storia orale Louie B. Nunn dell’università del Kentucky, nella sezione dedicata ai veterani della II Guerra Mondiale, Caruso è riuscito a scoprire l’identità del soldato americano in questione tramite un’intervista orale registrata nel 1986. Il misterioso writer è stato così svelato, tale Marshall Webb di Campbellsville, nel Kentucky che nel 1944 si trovava a Tremensuoli in veste di alleato.

Ora, in suo onore, è stata affissa una targa per ricordare la sua figura. Ed oggi, quel muro, è meta di curiosi.

Fonte: Temporeale.info

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share