• Home »
  • Attualità »
  • Nuovo Cinema 500. Un progetto nato grazie a due giovani di Minturno e approdato in diversi Festival in giro per la penisola
Nuovo Cinema 500. Un progetto nato grazie a due giovani di Minturno e approdato in diversi Festival in giro per la penisola

Nuovo Cinema 500. Un progetto nato grazie a due giovani di Minturno e approdato in diversi Festival in giro per la penisola

La storia del nostro Paese è, nel bene e nel male, legata indissolubilmente anche alla storica Fiat. Nell’immaginario collettivo del dopo guerra e del boom economico la Fiat 500 ha lasciato un segno indelebile.  Il cinema, la televisione e la musica hanno fatto il resto. Il mezzo stesso è diventato l’emblema della “bella vita”, del benessere e della bellezza.

E cosa succede se questo emblema viene utilizzato per raccogliere memorie urbane e sociali di un quartiere? Per scrivere una storia, troppo spesso dimenticata, fatta di usi e costumi ormai superati da una digitalizzazione selvaggia che, avrà anche tanti meriti, ma ci ha omologati e con noi i nostri borghi e i nostri quartieri? Alcuni ragazzi di Minturno, tra il l 27 e il  30 giugno, hanno reso possibile un’iniziativa senz’altro originale dal nome “Nuovo Cinema 500”. Un’iniziativa a basso costo che non ha richiesto l’accesso a prestiti o mutuo 100 (dettagli su http://www.spaziomutui.com/libro/mutuo100.htm). Il suo successo ha fatto si che approdasse a Parma per Insolito Festival, con un progetto ad hoc nel quartiere Oltretorrente della città emiliana.

Per Nuovo Cinema 500 ogni viaggio ha rappresentato un cambio di set.  Nel mese di maggio il progetto, ad esempio, è entrato con la sua carica di allegria, coinvolgendo il nutrito pubblico di Trasparenze Festival (Modena) e Invisible Cities (Gorizia), grazie ad una programmazione di video di artisti provenienti da tutta Europa.

Per l’Insolito Festival, invece, Nuovo Cinema 500 ha scelto di produrre dei microdocumentari raccogliendo memorie urbane e sociali del quartiere Oltretorrente. Sono stati coinvolti gli abitanti del quartiere, resi protagonisti e testimoni di una buona pratica di indagine, racconto e riappropriazione del territorio. Una sorta di rivisitazione, ci si permetta il paragone, dei Comizi d’Amore di pasoliniana memoria. Proprio come avrebbe amato Pasolini, grazie alla collaborazione dei registi del gruppo Full of Beans, sono state realizzate interviste e ritratti degli abitanti del quartiere e agli angoli della città per la creazione di brevi video.

Alla sera, poi. la storica Fiat 500 ha aperto le sue porte, due spettatori alla volta, trasformandosi nel cinema più intimo del mondo restituendo alla comunità le testimonianze raccolte. Nuovo Cinema 500 è stato difatti un “cinema a domicilio” capace di coinvolgere, fermare, incuriosire e riflettere.

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share