Gli ambulanti occupano il Comune di Minturno

Gli ambulanti occupano il Comune di Minturno

La protesta degli ambulanti

La protesta degli ambulanti

Protesta al palazzo comunale di Minturno ieri mattina. Una trentina di venditori ambulanti hanno fatto irruzione al primo piano richiedendo di parlare con il sindaco Paolo Graziano. Il motivo è sempre lo stesso: le mancate autorizzazioni per poter posteggiare sul lungomare. Al momento sono stati rilasciati soltanto una quindicina di permessi ma molti sono gli ambulanti che non le hanno ricevute, come testimonia la massiccia presenza di ieri.

Sul posto sono intervenuti anche i vigili urbani e i carabinieri per garantire l’ordine pubblico, prima che la protesta potesse scadere in episodi violenti. Il sindaco Graziano ha concesso una rapida riunione con una delegazione dei venditori, alla presenza dell’assessore Aristide Galasso, del presidente del consiglio comunale Gianni Izzo, dei consiglieri Filippo Corrente e Vincenzo Fedele. Il primo cittadino ha infine fissato un incontro per questa mattina alle ore 9 per poter discutere con più calma della questione.

Proteste simili si sono verificate anche questa estate, quando gli ambulanti non avevano ricevuto l’autorizzazione a posteggiare le proprie bancarelle sul lungomare di Scauri, pur avendo regolarizzato la propria posizione. Un problema che si ripete ogni anno e dovuto al fatto che non esiste un vero e proprio regolamento. Una questione sollevata spesso anche dalle file dell’opposizione consiliare.

«Abbiamo fatto degli investimenti, comprando i prodotti per la vendita ma non stiamo lavorando, perché non possiamo montare le nostre bancarelle – spiegano alcuni dei commercianti intervenuti ieri mattina – Nel frattempo, subiamo la concorrenza sleale dei venditori ambulanti irregolari, perché non ci sono adeguati controlli da parte delle forze dell’ordine. La maggior parte di noi esercita l’attività da oltre dieci anni, siamo conosciuti qui in Comune, eppure ogni anno succedono queste situazioni. Chiediamo al sindaco – concludono – di provvedere a razionalizzare l’iter delle concessioni, perché siamo lavoratori come gli altri, abbiamo famiglie alle spalle e paghiamo le tasse».
Giuseppe Mallozzi

La Provincia 24-10-2012

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share