Ego Eco, operai in sciopero

Ego Eco, operai in sciopero

Netturbini in sciopero

Netturbini in sciopero

Hanno incrociato le braccia gli operai della Ego Eco. Alla protesta degli associati alla sigla sindacale As.Cobas ieri mattina si sono uniti anche quelli di Cgil, Fidal e Cisal. In tutto venti dipendenti che hanno voluto usare le maniere dure. A lavorare ieri soltanto gli associati alla Uil, circa dieci persone. Il servizio minimo è stato garantito presso le scuole, l’ospedale e i carabinieri.

Gli operai hanno dichiarato di proseguire lo sciopero ad oltranza finché non saranno pagate le spettanze. Restano sempre gli stessi i motivi della protesta: il mancato percepimento della restante metà della quattordicesima e dei rispettivi straordinari e notturni dei mesi precedenti. Una situazione che si trascina ormai da diverso tempo e che gli operai non hanno più intenzione di sopportare.

Lo stato di agitazione è iniziato già da parecchi giorni, con gli operai che non hanno raccolto la spazzatura caduta a terra vicino ai cassonetti. Cumuli di immondizia che è rimasta a far bella mostra di sé. Il timore dei dipendenti della Ego Eco è che anche lo stipendio del mese di novembre, che viene pagato oggi, non venga elargito in quanto il Comune di Minturno non ha ancora provveduto a pagare la ditta di Cassino. I lavoratori del cantiere dell’ex Asia sono scoraggiati.

«L’amministrazione ci ha abbandonato – hanno dichiarato ieri mattina – Abbiamo chiamato in Comune, parlato con il vicesindaco Galasso che aveva promesso di venire qui al cantiere ma non è venuto. Attendiamo risposte anche dai nostri amministratori perché noi aspettiamo da tempo che ci vengano pagati gli straordinari, le domeniche e le festività, oltre che il resto della quattordicesima».

Gli operai lamentano inoltre che la sigla sindacale Uil abbia ratificato un accordo con la ditta per i vecchi Tfr mentre gli altri sindacati non hanno ottenuto nulla. Tra l’altro lo sciopero cade proprio in una giornata particolare, mercoledì, quando si svolge il mercato nel piazzale ex Sieci a Scauri.

Ieri non è stato spazzato come sarebbe dovuto avvenire. Lo sciopero è previsto anche per la giornata di oggi, a meno che non vi saranno novità sostanziali sui pagamenti.
Giuseppe Mallozzi

La Provincia 15-11-2012

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share