• Home »
  • Attualità »
  • Il Garigliano turistico, la proposta di un battello per visitare le aree archeologiche e le bellezze storiche
Il Garigliano turistico, la proposta di un battello per visitare le aree archeologiche e le bellezze storiche

Il Garigliano turistico, la proposta di un battello per visitare le aree archeologiche e le bellezze storiche

Il fiume Garigliano

Il fiume Garigliano

Un tour marittimo-fluviale-archeologico, che possa consentire uno sviluppo economico, turistico ed occupazionale. La questione è stata dibattuta ieri mattina in un vertice svoltosi presso l’area archeologica, al quale hanno partecipato, tra gli altri, il delegato al commercio del Comune di Minturno Vincenzo Fedele, il funzionario comunale Toni De Santis, l’ingegner Raffaele Velardo, dell’Autorità di Bacino del Garigliano, Giovanna Rita Bellini, responsabile del comprensorio archeologico di Minturnae e un funzionario del Parco Riviera di Ulisse.

Alla base del summit c’era la possibilità di trovare un accordo con la società «Pesca, Natura e Turismo» di Ostia, che si è detta disponibile a mettere a disposizione un battello, che consentirebbe ai turisti di poter visitare le aree archeologiche e le bellezze storiche del territorio.

Il percorso prevederebbe la navigazione del fiume Garigliano, con sosta all’altezza dell’area archeologica, nei pressi del ponte Real Ferdinando, ma anche visite all’Oasi di Gianola, al porticciolo, al monte di Scauri.

«Abbiamo coinvolto più enti – ha detto Vincenzo Fedele, consigliere comunale delegato alle attività marittime – perchè riteniamo che questa iniziativa possa garantire uno sviluppo turistico ed economico, sfruttando le risorse naturali di cui dispone il nostro territorio. Ovviamente per assicurare un servizio ottimale è necessario eliminare la barriera sabbiosa che si forma alla foce del Garigliano. E in questa ottica abbiamo coinvolto anche l’Autorità di Bacino, in considerazione dell’entrata in funzione di questo servizio.

Abbiamo previsto un intervento più radicale di asportazione della sabbia che ostacola il transito delle imbarcazioni alla foce, che poi verrebbe ricollocata sul litorale di Pantano Arenile, dove è in programma il ripascimento. Come Comune coinvolgeremo, a breve, tutti gli enti istituzionali interessati e valuteremo se sarà possibile anche completare il tutto con un servizio di bus navetta che consenta ai passeggeri del battello “turistico” di poter visitare anche le altre testimonianze storiche che si trovano sul nostro territorio».

Sull’attivazione del tour marittimo turistico c’è già un accordo di massima, che verrà definito a breve scadenza, con un altro vertice prevista nei primi giorni di gennaio.

Fonte: Latina Oggi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share